Vogliamo anche le rose

Vogliamo anche le rose

Vogliamo anche le rose

Alina Marazzi
Collana: Real Cinema – Feltrinelli Editore
Contenuto: DVD + libro di 144 pagine
Prezzo: Euro 16,9

Dvd+libro. Dalla regista di “Un’ora sola ti vorrei”, la voce e la passione delle donne negli anni della liberazione sessuale e del movimento femminista in Italia a cavallo tra gli anni sessanta e settanta. Con il libro “Le rose”, a cura di Alina Marazzi.

Il film
Per guidarci lungo le tappe più significative del profondo e contraddittorio mutamento, mai completamente risolto, operato dalla rivoluzione sessuale, la regista Alina Marazzi decide di muoversi su un piano di narrazione intimo e diretto, catturando e rappresentando davanti ai nostri occhi i diari personali di Anita, Teresa e Valentina, tre persone che, pur provenendo da diverse regioni d’Italia e appartenendo a classi sociali differenti, sono accomunate dall’essere donne e da un’uguale rivendicazione: non riconoscersi più in una società patriarcale, maschilista e maritale che le vuole madri efficienti, mogli obbedienti e figlie integerrime.

Il documentario si concentra su fatti della storia recente mettendo in scena un concerto di voci in prima persona miscelate con materiali e filmati d’epoca provenienti dalle fonti più diverse: istituzionali, pubbliche, militanti, private.
“Vogliamo anche le rose” è un prezioso strumento per mostrare un’Italia che, spesso ricordata come fiaba grottesca, è invece stata drammaticamente reale.
Con il libro “Le rose”, a cura di Alina Marazzi.
“Ho voluto ripercorrere la storia delle donne tra la metà degli anni sessanta e la fine degli anni settanta per metterla in relazione, a partire dal ‘caso italiano’, con il nostro presente globale, conflittuale e contraddittorio. Con l’intenzione di offrire uno spunto di riflessione su temi ancora oggi parzialmente irrisolti o addirittura platealmente rimessi in discussione.”

close

Attenzione, il sito è in fase di conversione in database. Non tutti gli articoli sono ancora raggiungibili nel sito interattivo. Per accedere alle pagine in formato xhtml del sito precedente ancora non convertite, potete collegarvi a questo link Encanta, old version