Nato fuori dal tempo, Ale Ice

Nato fuori dal tempo, Ale Ice

Nato fuori dal tempo, Ale Ice

È disponibile in digital download e sulle piattaforme streaming Nato Fuori Tempo (bit.ly/Natofuoritempo), il secondo dei quattro singoli che anticipano l’uscita di “Alessandro”, il nuovo progetto acustico pop-alternative di Ale Ice, il giovane artista bellunese.

 «Una sera guardando “Midnight in Paris” di Woody Allen (che infatti cito nel bridge finale) è nata l’idea di far nascere un brano trattando la mia inadeguatezza rispetto ai tempi d’oggi. La canzone è arricchita dalla strofa di Simone da Pra del quale non so se sono più amico o più fan».

Più che una critica netta, il brano si presenta come un’istantanea della società nella quale viviamo, scattata dallo sguardo disilluso di Alessandro, che racconta le sue difficoltà ad adattarsi ai tempi e alle mode che cambiano e che talvolta vanificano il vero senso della vita.

“Nato Fuori Tempoè distribuito digitalmente da Materiali Musicali, editore e produttore di artisti emergenti del circuito MEI. Scritto da Ale Ice e Simone Da Pra e composto da Francesco Perale, il brano è stato registrato, mixato e masterizzato da Gianluca Zanin presso l’Artigian Studio, Berlino.

In “ALESSANDRO” l’originaria matrice hip hop dell’artista viene declinata in una nuova chiave cantautorale di genere pop-alternative, mediante la quale ALE ICE denuncia in modo intimo e introspettivo il proprio senso di inadeguatezza nei confronti delle mode e dei costumi che la società attuale gli impone.

«“ALESSANDRO” sono io in musica – spiega Ale Ice – È un progetto che nasce volutamente minimal, spoglio da mode e ispirato alla musica degli anni Settanta e Ottanta per concentrarsi unicamente sulla verità dell’essere se stessi. “ALESSANDRO” nasce infatti in un momento in cui guardandomi intorno non facevo altro che sentirmi inadatto, fuori posto, fuori tempo. Ormai la quantità conta più della qualità e per questo motivo ritrovare l’essenza della musica non può che voler dire ridurla all’osso, ai soli due strumenti di chitarra e voce».

Alessandro Minichino, in arte Ale Ice, è nato a Maratea (PZ) il 03 maggio 1999. Vive i primi due anni della sua vita in un piccolo paese della provincia di Salerno ai confini con la Basilicata. È cresciuto e si è formato in Veneto, nella provincia di Belluno. Ha dimostrato fin da piccolo grande interesse per l’arte a tutto tondo, dall’attitudine al disegno alla passione per la musica, prediligendo il cantautorato degli anni Settanta e Ottanta. Crescendo ha coltivato sempre più queste passioni; ha infatti intrapreso percorsi di studio affini (liceo artistico e ora il Mita, l’accademia internazionale di tatuaggio artistico), riempiendo tutti i vuoti con la musica, il disegno e la scrittura. A 16 anni col nome d’arte di Ale ice scrive e pubblica l’Ep “È Solo L’inizio” (2015), un lavoro prettamente rap nel quale è presente il featuring con M2k, rapper campano membro della Double Haitch Crew”.

Di questo e di tutti i lavori che seguono, Alessandro cura gli artwork e le cover. Negli anni successivi incide due mixtape: “Equilibrio” (2017), dalle rime dirette, in cui riflette su un mondo ingiusto nel quale bisogna trovare posto, e “Nirvana” (2018), da cui è stato estrapolato il singolo “Tieni duro” a cui ha seguito il primo street video con la regia di Samuele Dalò. Il video di “Tieni duro” è stato poi recensito dagli Arcade Boyz, noti youtuber. Ora è in cantiere un lavoro nuovo, più maturo e distante dai lavori precedenti: “ALESSANDRO“, un progetto ispirato al cantautorato italiano, al cui interno troviamo anche la collaborazione con Simone Da Pra in “Nato fuori tempo“.

Per saperne di più:
https://instagram.com/ale.ice?igshid=1xstynpbrvr95
https://www.facebook.com/aleice.official
https://www.youtube.com/channel/UCQ7pQSwCLCbCgyNARgSSTPA

close

Attenzione, il sito è in fase di conversione in database. Non tutti gli articoli sono ancora raggiungibili nel sito interattivo. Per accedere alle pagine in formato xhtml del sito precedente ancora non convertite, potete collegarvi a questo link Encanta, old version