Pianta originaria dell’Europa e dell’Asia settentrionale e occidentale, in Italia è diffusa su tutto il territorio nazionale, più rara però al sud, da 0 a 2400 metri di altitudine. La parte utilizzata è rappresentata dal rizoma (fusto sotterraneo) e dalle radici. La raccolta si fa in autunno o all’inizio della primavera, scegliendo piante di almeno 2-3 anni.
Proprietà e indicazioni

La sua azione principale si effettua sul sistema nervoso, con un’azione sedativa efficace e priva o quasi di effetti collaterali. L’azione benefica della valeriana si esplica anche sulle ripercussioni psicosomatiche causate dalla tensione nervosa che vanno a colpire gli apparati gastrointestinale e cardiocircolatorio; il sonno facilitato dalla valeriana è fisiologico e riparatore. Quindi i preparati a base di valeriana sono indicati nei casi di ansia e nervosismo, anche accompagnati da depressione (in questo ultimo caso si associa molto bene all’iperico), angosce notturne con insonnia, stati d’ansia accompagnati da tachicardia, vertigini, crampi dolorosi dello stomaco e dell’intestino causati da tensione nervosa, nelle cefalee nervose e da stress, nell’ipertensione arteriosa a carattere psicosomatico, utile anche nelle vampate e nelle turbe della menopausa.

La medicina popolare utilizza il decotto della radice fresca a scopo antinevralgico e antiecchimotico per lenire i dolori articolari e i traumi muscolari. Le preparazioni a base di valeriana non vanno assunte per lunghi periodi ma a cicli di 2-3 settimane se necessario ripetuti nel tempo a intervalli regolari.

Principali preparazioni ed uso
Decotto. Bollire per 10 minuti gr. 15 di radici di valeriana in 1 litro di acqua bollente, colare e berne 2-3 tazze al giorno. Volendo alternativamente si può fare l’infusione fredda: 15 gr in 1 litro di acqua fredda, si lascia in macerazione tutta la notte e se ne assumono sempre 2-3 tazze al giorno. In queste due preparazioni il gusto non troppo gradevole della valeriana può essere corretto con l’aggiunta di un pizzico di radice di liquirizia e di semi di anice.
Preparazioni molto comode ed efficaci sono anche la tintura e l’estratto fluido per le cui dosi è bene farsi dare le indicazioni a seconda delle esigenze personali.
A cura di Michele Stellini – Erboristeria dr. Stellini

[notification type=”attention”]L’intero contenuto di Encanta.it, con particolare riferimento alla rubriche con consigli degli esperti (erboristeria, rimedi naturali, i diritti dei cittadini etc.) deve essere considerato di carattere esclusivamente divulgativo. Le notizie pubblicate hanno solo scopo informativo e divulgativo e in nessun modo sostituiscono o corrispondono al parere specifico di uno specialista, di qualunque genere, che solo ha la possibilità di fornire un parete adeguatamente fondato, in relazione alla persona che si trova di fronte. Le informazioni possono essere modificate o rimosse in qualsiasi momento (ulteriori info nella pagina Disclaimer)[/notification]

Seguici su: