Alimentazione e trigliceridi

Le cause della candida, cure per la pitiriasi e l’ansia da prestazione sessuale, problemi con trigliceridi, impotenza: molti gli argomenti trattati. Per alcuni, è necessario anche il parere di un medico specialistico. Per altri, come nel caso dei trigliceridi nel sangue, è importante modificare anche le abitudini di vita, come l’alimentazione. In generale, suggerisce l’esperto, non dimentichiamo che per molti di questi problemi possono esserci cause psicologiche, che richiedono di essere individuate.

“Che alimentazione devo seguire, in quanto ho fatto gli esami del sangue e mi e’ uscito il livello dei trigliceridi molto alto 410 su un valore massimo di 190, mentre il colesterolo e più o meno nella norma”. M.

Informazione pubblicitaria

Credo che il suo medico le abbia già dato le indicazioni necessarie, comunque nel caso di un tasso eccessivo di trigliceridi nel sangue è opportuno limitare l’apporto di grassi saturi nella dieta, questi grassi sono presenti in quantità rilevante nei formaggi, nelle carni grasse, insaccati (a parte quelli magri), mentre è opportuno includere nella dieta verdure, legumi, pesce ricco di alici grassi insaturi, come il pesce azzurro (sardine, acciughe, sgombri).

Ansia da prestazione sessuale

“Ho 44 anni ed e’ un periodo che soffro di ansia da prestazione sessuale, chiedo un consiglio per superare questo problema. Tieni presente che tutti i giorni assumo una pastiglia (dose minima) contro l’ipertensione arteriosa. C’e’ un prodotto fitoterapico per risolvere il problema?”. C.

L’ansia da prestazione sessuale è un disturbo complesso che più spesso ha motivazioni psicologiche e non fisiche, e se dovesse perdurare forse potrei consigliati di consultare un andrologo per un percorso terapeutico più mirato. Alcune piante come il Tiglio gemmoderivato o la Melissa, come rilassanti, l’Avena in tintura madre, magari associata ad una delle precedenti, che ha un effetto antistress, possono aiutare ad abbassare la tensione che si per sé è una delle cause ansiogene.

Combattere la Pitiriasi versicolor

“È possibile curare la pitiriasi versicolor con l’estratto di semi di pompelmo? In che modo? Oppure in alternativa esiste qualke altro rimedio. È un anno che ci combatto, ho provato tanti antimicotici ma con scarsi risultati. Spero in un suo consiglio”. Ilenia

La pitiriasi in certi casi è difficile da debellare e allo stesso tempo può scomparire da un momento all’altro se l’organismo riesce a riprendere il “controllo” della situazione, per questo è utile oltre a combattere il fungo in sé rafforzare il sistema immunitario e l’organismo in genere, spesso il fungo viene fuori, e poi rimane, in seguito ad un periodo di stress o in concomitanza di malattie che impegnano il sistema immunitario. In ogni caso l’estratto di pompelmo può essere utile, in questo caso magari sotto forma di gel, associato all’olio essenziale dell’albero del tè che ha anch’esso azione antifungina.

Molte le cause dell’impotenza

“Ho 39 anni e da qualche tempo ho problemi di erezione. Ho parlato di questo problema con il mio medico ed ho fatto tutte le analisi del caso: tutto OK, sono sano come un pesce! Che rimedi naturali mi consiglia?” A.

È difficile darle un consiglio personalizzato, nella sua situazione possono interagire molte cause, anche di ordine psicologico, quindi certamente non rilevabili dalle comuni analisi, può darsi che abbia necessità di una visita specialistica per affrontare meglio il problema, se persiste. Alcune piante possono essere utili comunque come rimedio naturale, la Damiana ad esempio, lo yohimbee, il muira puama, che talvolta si trovano associate anche a tonici generali psicofisici, quali ad esempio il ginseng e l’eleuterococco.

Sull’ipertensione

“Il succo di pompelmo cura l’ipertensione o l’ipotensione?” Mara

Non so se si riferisce al succo o all’estratto dei semi di pompelmo di cui abbiamo parlato spesso in questa rubrica, entrambi però non credo possano essere utili per il controllo della pressione arteriosa.

Le cause della candida

“Gentile dottore, vorrei avere informazioni sulle cause che scatenano la candida albicans, poiché e’ già la seconda volta che ne soffro e d e’ molto dolorosa, si può prevenire? È contagiosa? Occorre fare un programma di cura per tutta la famiglia?” P.

La candida è normalmente presente nel nostro organismo, però in particolari situazioni, calo delle difese immunitarie, stress, errori alimentari, terapie farmacologiche, può, per così dire, prendere il sopravvento e creare problemi. Le terapie quindi, oltre a risolvere il sintomo sull’immediato, dovrebbero mirare al riequilibro dell’organismo in modo da evitare recidive, è opportuno quindi in genere correggere l’alimentazione, evitando quegli alimenti che ne favoriscono lo sviluppo, gli zuccheri prima di tutto, e ripristinare una flora batterica efficiente, le recidive sono purtroppo frequenti, però con gli opportuni accorgimenti si possono evitare o diminuire di frequenza.

A cura di Michele Stellini – Erboristeria dr. Stellini

I contenuti delle rubriche e degli articoli presenti su Encanta.it, con particolare riferimento alle rubriche che contengono consigli, pareri, articoli di esperti su specifiche tematiche (leggi e diritti, erboristeria, rimedi naturali, psicologia ed ogni altro di questo genere) sono esclusivamente a carattere divulgativo, e ciascun esperto/autore è il solo responsabile di quanto scrive. Le notizie pubblicate hanno solo scopo informativo e divulgativo e in nessun modo sostituiscono o corrispondono al parere specifico di uno specialista, di qualunque genere/ambito, che solo ha la possibilità di fornire un parere adeguatamente fondato, in relazione alla persona che si trova di fronte. Le informazioni possono essere modificate o rimosse in qualsiasi momento (info complete nella pagina “Disclaimer”)
Informazione pubblicitaria