Medico ‘fai da te’? Ahi, ahi, ahi…

Medico ‘fai da te’? Ahi, ahi, ahi…

Il fenomeno dell’autodiagnosi è in crescita, favorito anche dalla diffusione delle tecnologie dell’informazione. Il cosiddetto ‘dottor Google’ trova i suoi antenati nelle enciclopedie mediche degli anni Sessanta e Settanta, che hanno portato in molte case nozioni fino a quel momento sconosciute. Il fenomeno è però esploso con l’avvento di Internet. “L’autodiagnosi può essere pericolosa innanzitutto perché interferisce nel rapporto del medico con il paziente, che può essere influenzato nel descrivere i sintomi e nel seguire la cura. Per ovviare a tali problemi è importante la fiducia nel rapporto tra i due”, afferma Fernando Ferri dell’Istituto di ricerche sulla popolazione e le politiche sociali (Irpps) del Cnr. È quindi sbagliato interrogare […]

Il cuore, killer silenzioso

Il cuore, killer silenzioso

Le malattie dell’apparato circolatorio sono la principale causa di morte in tutto il mondo occidentale. I dati Istat indicano che le patologie cardiovascolari provocano circa il 44% di tutte le morti, con un tasso medio di 148 decessi per 100.000 abitanti l’anno. In particolare, la cardiopatia ischemica è la prima causa di morte in Italia (28%), gli accidenti cerebrovascolari sono invece al terzo posto (13%), dopo i tumori. Scarsa attività fisica, una dieta poco equilibrata e ricca di grassi, fumo e alcol sono tra le principali ragioni dell’insorgere di queste patologie, come spiega Roberto Volpe, medico del Servizio di prevenzione e protezione (Spp) del Cnr: “Possiamo distinguere tra cause modificabili […]

L’azzardo è sempre più adulto

L’azzardo è sempre più adulto

Elaborati dall’Istituto di fisiologia clinica del Cnr, i nuovi dati IPSAD® ed ESPAD®Italia rivelano che gli adulti scommettono sempre di più, mentre è in calo il gioco d’azzardo, anche on-line, tra i giovani in tutte le regioni italiane. Nel Sud Italia crescono invece gli studenti giocatori ‘problematici’. Aumentano i giocatori d’azzardo nella popolazione adulta (15-64 anni) mentre diminuiscono in quella studentesca (15-19 anni). Nel corso del 2017 hanno giocato almeno una volta oltre 17 milioni di italiani (42,8%), contro i 10 milioni del 2014 (27,9%), e fra questi oltre un milione di studenti (36.9%), in calo rispetto agli 1,4 milioni (47,1%) di otto anni prima. A rivelarlo gli studi IPSAD® […]

SiteGround, scopri l’hosting di qualità

SiteGround, scopri l’hosting di qualità

Tutti coloro che gestiscono dei siti, a livello personale o professionale, si trovano a dover decidere quale servizio di hosting utilizzare. Non è mai una scelta semplice. Nel tempo, con l’esperienza, si imparano cose preziose. Per esempio, che è fondamentale che il server risponda rapidamente e che l’accesso alle pagine del nostro sito sia rapido, che sia disponibile una assistenza vera, che il rapporto qualità/prezzo sia ottimale. Caratteristiche che abbiamo trovato nell’hosting di SiteGround. Attualmente, uno dei migliori servizi di hosting che utilizziamo per i nostri siti. Da molti anni lavoriamo con il web, attraverso la creazione di progetti di comunicazione e siti internet. Encanta.it, grafologiaevolutiva.it, miagrafologia.com, annarospacini.it e molti […]

Cottura alla griglia: va usata con accortezza

Cottura alla griglia: va usata con accortezza

“Il contatto diretto dell’alimento con la griglia surriscaldata produce una carbonizzazione superficiale e, nello stesso tempo, il grasso che cola sulla brace genera fumi di idrocarburi policiclici aromatici (Pha) e ammine eterocicliche (Hca), sostanze con riconosciuti effetti cancerogeni”. Con la scoperta e l’utilizzo del fuoco l’uomo ha potuto arricchire la propria dieta prima fortemente limitata, dal momento che non tutti gli alimenti potevano essere consumati crudi. Oggi esistono varie tipologie di cottura, ma in passato il più semplice e immediato era costituito dal porre l’alimento direttamente sulla fiamma viva, un metodo utilizzato ancora ai giorni nostri con la grigliatura. “Grigliare la carne, il pesce o i crostacei significa esporre per […]

Il cervello non va in vacanza

Il cervello non va in vacanza

In estate possiamo finalmente godere delle vacanze, prenderci più tempo libero e dedicarci a quelle attività che durante l’anno siamo costretti a trascurare a causa degli impegni e scadenze lavorative. Abbiamo più tempo per stare all’aria aperta e praticare sport, ma anche per dedicarci a lettura, cruciverba o giochi da tavolo che, oltre a rilassarci e divertirci, costituiscono veri e propri esercizi mentali. “Leggere un libro ha diversi effetti positivi sul cervello. Leggere un romanzo coinvolgente aiuta a mettersi nei panni di un’altra persona, accrescendo la nostra capacità empatica anche nella vita reale”, spiega Federica Limongi dell’Istituto di neuroscienze (In) del Cnr di Padova. “Seguire la struttura di una storia […]

Quella innata capacità di prevedere è anche tua

Quella innata capacità di prevedere è anche tua

È capitato a tutti di avere presentimenti che inducono a scegliere una direzione piuttosto che un’altra o a prendere una particolare decisione. Attribuiamo queste scelte al cosiddetto ‘sesto senso’, una sorta di istinto che ci spinge a scelte, che vanno oltre il ragionamento. Ma il sesto senso esiste davvero? “Gli organi di senso con i quali vengono raccolte le informazioni dall’ambiente sono solo cinque. A questi va aggiunto l’intuito, quando, anche senza rendercene conto, percepiamo dati dall’ambiente e li analizziamo attingendo alle nostre esperienze passate e sulla base di queste facciamo previsioni”, spiega Marzia Baldereschi dell’Istituto di neuroscienze (In) del Cnr. “Una persona intuitiva sa dunque sfruttare bene e rapidamente […]

Non ti parlo più: il social uccide la parola

Non ti parlo più: il social uccide la parola

Internet continua a modificare il modo con cui le persone comunicano e si informano. Da quando il cellulare si è trasformato in smartphone, acquisendo tutti i ‘poteri’ del web, sono cambiate molte cose: se fino a pochi anni fa l’alternativa alla chiamata erano sms su schermi troppo piccoli per poter esplicitare un pensiero poco più che basilare, ora sui nuovi device si possono addirittura guardare film e, utilizzando whatsapp e telegram, scrivere testi complessi con l’ausilio di emoticon, foto, link e allegati vari, che ne chiariscono il significato. Il risultato è che le persone… telefonano sempre meno. Nel 2015 le chiamate vocali sono diminuite del 25% nei mercati sviluppati, il […]