Libri: La piccola ombra

Banana Yoshimoto
Traduzione: Alessandro Giovanni Gerevini
Collana: I Canguri – Feltrinelli
Pagine: 104 – Prezzo: Euro 9,5

Una raccolta di racconti centrati sul tradimento, considerato come parte integrante e inevitabile della nostra esistenza.

Informazione pubblicitaria

Il libro
Cosa significa tradire? Come si tradisce? Il tradimento ha per tutti lo stesso significato?Banana Yoshimoto, più che dare risposte, disegna paesaggi emotivi che delineano i confini di uno degli aspetti più dolorosi ed enigmatici del vivere. Chi tradisce? La fanciulla che ha una relazione con un uomo sposato o la moglie ingannata che, consapevole dell’affaire, mente annunciandole la morte dell’amante? Chi si sente più tradito? La madre che pensa sia giusto confidare alla figlia la data di morte della nipotina appena nata, rivelandole il suo calcolo astrologico, o la figlia che non vorrà mai più perdonarla per la nefasta profezia? Le protagoniste di questi racconti sono giovani donne giapponesi tra i venti e i trent’anni. Per motivi disparati, si trovano in Argentina, Paraguay, Brasile: terre dalle tinte fortissime, colme di una straordinaria energia vitale che colpisce la loro sensibilità. Sono tutte partecipi o spettatrici di un tradimento che, dalla prospettiva straniata dell’essere altrove, acquista una dimensione diversa e diventa un’occasione speciale per riflettere più profondamente sulla propria identità.Come spesso succede con Banana Yoshimoto, più che la trama in sé, è lo sviluppo dei personaggi ad avere importanza, il loro modo di accostarsi alla realtà e ai suoi molteplici aspetti. E nelle loro differenti vicende, il tradimento diventa un inevitabile passaggio dell’esistenza, un’esperienza integrante della vita.
Approfondimento
Le protagoniste di questi racconti sono giovani donne giapponesi tra i venti e i trent’anni. Per motivi disparati, si trovano in Argentina, Paraguay, Brasile: terre dalle tinte fortissime, colme di una straordinaria energia vitale che colpisce la loro sensibilità. Una ragazza, appena giunta a Buenos Aires, apprende la morte dell’amante da una telefonata della moglie e si sente smarrita perché sa che, tornata in Giappone, i suoi sentimenti potrebbero cambiare e assumere una diversa profondità; una fanciulla, sposata con un uomo più anziano, ripensa al suo amante di prima, sposato a sua volta; una donna, in viaggio col padre, coglie dopo tanto tempo qualcosa di strano nel rapporto tra i suoi genitori; una giovane sposa rievoca il modo in cui è riuscita a conquistare l’affetto della cognata, inizialmente contraria al suo matrimonio. Sono tutte partecipi o spettatrici di un tradimento che, dalla prospettiva straniata dell’essere altrove, acquista una dimensione diversa e diventa un inevitabile passaggio dell’esistenza, un modo per riflettere più profondamente sul passato e sulla propria identità.

Diventare adulti
Gli adolescenti e l’ingresso nel mondo del lavoro
Mihaly Csikszentmihalyi, Barbara Schneider
Collana: Pedagogie dello Sviluppo
Raffaello Cortina Editore

Come immaginano i giovani il proprio futuro lavorativo? Davvero la famiglia e la scuola aiutano gli adolescenti a sviluppare atteggiamenti e abitudini utili in ambito professionale? Sono questi i temi, mai prima d’ora oggetto di ricerche sistematiche, che gli autori affrontano nel loro studio quinquennale sul mondo degli adolescenti, esaminando in che modo i ragazzi si preparino ad affrontare le esperienze lavorative del futuro. I risultati si rivelano di grande utilità per insegnanti e formatori che vogliano ridisegnare ruoli e valori pedagogici.
Gli autori
Mihaly Csikszentmihalyi è professore di Psicologia presso la Claremont Graduate University. È membro della National Academy of Education e della National Academy of Leisure Sciences. Barbara Schneider insegna Sociologia alla University of Chicago.

Vergogna e senso di colpa
In Psicologia e nella Letteratura
Marco W. Battacchi
Collana: Psicologia clinica e psicoterapia
Raffaello Cortina Editore

Qualcuno ha scritto che la società contemporanea è una “società svergognata”. Ma di che cosa non ci si vergogna più? Marco Battacchi delinea la funzione della vergogna e del senso di colpa nella formazione della personalità sana e patologica e nella determinazione del comportamento, in una prima parte facendo riferimento agli psicologi e psichiatri che si sono occupati dell’argomento e, in una seconda, ai testi di scrittori – Maupassant, Dostoevskij, Kafka – che hanno fatto da pionieri nello scoprire la verità più profonda delle emozioni umane. Il volume tocca temi di interesse per la psicologia clinica e dinamica, per la teoria della letteratura e la critica letteraria e per l’epistemologia delle scienze umane.
L’autore
Marco Walter Battacchi è stato professore di Psicologia dello sviluppo all’Università di Bologna. Tra le sue numerose pubblicazioni, Psicologia dello sviluppo (con G. Giovanelli, Roma 1999) e Lo sviluppo del pensiero meta-rappresentativo e della coscienza (con P. Battistelli e G. Celani, Milano 1998).

Informazione pubblicitaria