Le virtù del castagno

Le virtù del castagno

Le virtù del castagno

Uno degli spettacoli più belli che la natura ci offre è quello dei boschi di castagno, quando le foglie assumono delle sfumature che vanno dal giallo al rosso al marrone. Se capita una bella giornata autunnale niente di meglio che recarsi a passeggiare in questi boschi dorati a raccogliere le castagne. Il castagno è un maestoso albero caducifoglio indigeno della zona mediterranea, dal portamento superbo con fusto dritto, alto sino a 30 – 35 metri. Sarebbe arrivato dall’Iran circa 2500 anni fa; i Romani successivamente lo diffusero sulle Alpi e sull’Appennino settentrionale e in altri paesi Europei.

Ha chioma folta, ampia e maestosa, tipicamente irregolare. Il tronco può raggiungere i 4-5 metri di diametro con corteccia prima liscia e grigiastra che si screpola poi con l’età diventando spessa, profonda, bruno scuro e dividendosi in lunghe nervature a spirale, talvolta solcate longitudinalmente. Il castagno necessita solitamente di terreni profondi, freschi, acidi e silicei, ricchi di sali minerali ma poveri di calcare. Ha bisogno di un clima temperato, e rischia di essere irrimediabilmente danneggiato sino a morire se la temperatura si abbassa. Le sue parti da utilizzare sono le foglie e la corteccia per uso officinale, i frutti per uso alimentare e cosmetico. Le qualità commestibili ed economiche dei frutti che gli hanno valso il soprannome di “albero del pane”, ne hanno offuscato le proprietà fitoterapiche contenute nelle sue foglie e nella corteccia, anche se comunque per lungo tempo è stato utilizzato nella tradizione erboristica popolare.

Le foglie sotto forma di infuso sono un buon rimedio per la tosse. Il decotto fatto con la corteccia è un forte tonico a livello intestinale, utile nella dissenteria; dalla decozione della buccia dei frutti si ottiene un colorante naturale, in grado di donare ai capelli riflessi rosso mogano. La castagna sfarinata ammorbidisce le nodosità dei seni e discioglie il latte rappreso. Ma è la Gemmoterapia ad aprire un nuovo ed inaspettato capitolo sulle indicazioni fitoterapiche di questo albero. Il gemmoderivato si ottiene dalla macerazione di gemme fresche primaverili di castanea vesca in soluzione idro-glicero-alcolica. Le gemme di castanea vesca sono un valido aiuto per i ristagni linfatici degli arti inferiori. Il gemmoderivato può essere acquistato in erboristeria. Per finire, vista la stagione, non mi resta che invitarvi comunque a godervi la castagna nelle molteplici applicazioni della cucina invernale, che spesso evocano piacevoli serate trascorse in montagna: dalle semplici caldarroste cotte in una padella forata posta nella brace del camino, alle castagne bollite, allo squisito castagnaccio ed ai più complicati dolci.

close

L’intero contenuto di Encanta.it, con particolare riferimento alla rubriche con consigli degli esperti (erboristeria, rimedi naturali, i diritti dei cittadini etc.) deve essere considerato di carattere esclusivamente divulgativo. Le notizie pubblicate hanno solo scopo informativo e divulgativo e in nessun modo sostituiscono o corrispondono al parere specifico di uno specialista, di qualunque genere, che solo ha la possibilità di fornire un parete adeguatamente fondato, in relazione alla persona che si trova di fronte. Le informazioni possono essere modificate o rimosse in qualsiasi momento(ulteriori info nella pagina Disclaimer)

close

Attenzione, il sito è in fase di conversione in database. Non tutti gli articoli sono ancora raggiungibili nel sito interattivo. Per accedere alle pagine in formato xhtml del sito precedente ancora non convertite, potete collegarvi a questo link Encanta, old version