“Salve, mi chiamo Susy, sono una ragazza di 26 anni e soffro ormai da 3 mesi di insonnia totale (intendo dire che non mi addormento per tutta la notte e neanche di giorno riesco a dormire… non ho neanche lo stimolo del sonno); le cause sono state sicuramente di origine ansiosa-traumatica (stress prolungato per lavoro, paura della guerra e di essere lontana dalla mia famiglia, alcuni mesi prima grande delusione d’amore, rischio di annegamento in mare mentre facevo surf…). Mi sono rivolta alla riflessologia, all’iridologia, alla fitoterapia; non avendo avuto risultati positivi, ora sto prendendo farmaci (ipnotico-inducenti) i quali però non hanno neppure alcun effetto. Fatto strano: quando sono tornata in Italia a casa, per 4 giorni ho dormito normalmente senza assumere nessun prodotto! Poi l’insonnia ha ricominciato. Spero possiate darmi qualche consiglio al riguardo il prima possibile”.

Cara Susy, mi sembra che il tuo caso sia abbastanza particolare quindi non sto qui a suggerirti i più noti rimedi fitoterapici perché credo che tu li abbia già provati tutti, l’unico rimedio di origine naturale che mi sento di menzionare è la melatonina che può aiutare a riacquistare il giusto ritmo sonno-veglia. Comunque, nel tuo caso, dal momento che anche i farmaci ipnoinducenti non hanno avuto effetto penso che tu ti debba rivolgere a un centro specializzato per la cura dei disturbi del sonno affinché il tuo problema sia affrontato in maniera seria e globale. Da quello che mi dici penso che una terapia psicologica di supporto potrebbe esserti utile; anche i Fiori di Bach possono dare un aiuto per rimuovere certi blocchi, ma non sto qui a suggerirti una formula in particolare: per i Fiori di Bach in genere, a parte poche eccezioni, e nel tuo caso in particolare, è necessaria un’analisi personalizzata della tua situazione. Spero di averti dato qualche indicazione utile, ti saluto e ti faccio tanti auguri.

I Fiordi di Bach contro il panico in viaggio
“Tra qualche giorno dovrò prendere un aereo per un viaggio piuttosto lungo, andremo in Australia. Qualche tempo fa ho sofferto di attacchi di panico e ho paura che mi capiti proprio durante il viaggio. Il mio medico mi aveva prescritto dello Xanax, ma vorrei sapere se esiste un rimedio naturale a questo problema! Grazie per il suo consiglio”. Katia

In effetti un ansiolitico può essere utile in questi casi; un’alternativa naturale può essere data dal Tiglio, il gemmoderivato, 30-50 gocce 3 volte al giorno, quindi prima e durante il viaggio. Anche i Fiori di Bach possono essere utili, in particolare il rimedio cosiddetto di “pronto soccorso”, composto da 5 fiori, 2 gocce del concentrato in un bicchiere d’acqua da sorseggiare via via durante il viaggio quando se ne sente il bisogno. Una soluzione pratica è anche quella di aggiungere 4-5 gocce di concentrato a una bottiglia da mezzo litro di acqua minerale, così se ne ha una buona scorta ed è pratica da portare in viaggio.

Per sconfiggere la cistite
“Gentile dr. Stellini, ho 26 anni e da 3 anni soffro di una cistite acuta, solo da due ho scoperto che probabilmente è causata da un’infezione di escherichia coli. Dopo vari tentativi sia con antibiotici (ad ampio spettro) che con prodotti omeopatici, circa un anno e mezzo fa ho iniziato ad assumere le alghe Klamath e ho continuato ad assumerle per 8 mesi ottenendo il risultato voluto. Dopo pochi mesi dalla sospensione sono al punto di partenza. Consapevole di quanto sia importante e fondamentale l’alimentazione per il nostro organismo: che rapporto c’è tra l’alga e l’escherichia coli? È possibile eliminare il problema definitivamente con l’assunzione delle alghe? Se sì, quali sono i tempi? Cari saluti”. Giada

L’alga Klamath è sicuramente un integratore validissimo per rinforzare l’intero organismo e questo può spiegare il giovamento che ha trovato nel trattamento della cistite. Le cistiti danno comunque frequentemente delle ricadute, quindi per affrontare più incisivamente il problema le consiglierei di affiancare all’alga Klamath un buon integratore di fermenti lattici per riequilibrare la flora batterica intestinale, (il Coli è un batterio intestinale), una tisana sfiammante e disinfettante delle vie urinarie, a base ad esempio di Verga d’oro, mais, equiseto, eucalipto, uva ursina e spirea in parti uguali (2 cucchiai in mezzo litro di acqua bollente, infusione 30 minuti, colare e bere in giornata fuori dai pasti) e un prodotto a base di oli essenziali, esistono in capsule, ad esempio Urisan della Planta Medica, per disinfettare le vie urinarie.
A cura di Michele Stellini – Erboristeria dr. Stellini

[notification type=”attention”]L’intero contenuto di Encanta.it, con particolare riferimento alla rubriche con consigli degli esperti (erboristeria, rimedi naturali, i diritti dei cittadini etc.) deve essere considerato di carattere esclusivamente divulgativo. Le notizie pubblicate hanno solo scopo informativo e divulgativo e in nessun modo sostituiscono o corrispondono al parere specifico di uno specialista, di qualunque genere, che solo ha la possibilità di fornire un parete adeguatamente fondato, in relazione alla persona che si trova di fronte. Le informazioni possono essere modificate o rimosse in qualsiasi momento (ulteriori info nella pagina Disclaimer)[/notification]

Seguici su: