Il Biancospino, amico del cuore e non solo…

Il Biancospino, amico del cuore e non solo…

Il Biancospino, amico del cuore e non solo…

Il Biancospino è originario delle regioni temperate dell’Europa, dell’Asia occidentale e dell’Africa settentrionale ed è tuttora presente nelle zone di provenienza, in Italia è presente sul tutto il territorio nazionale, comprese le isole, ad altezze che vanno da 0 a 1500 m. Si trova nei cespuglieti, nelle siepi spesso associato ad altri arbusti, nelle macchie boschive. La parte del biancospino più comunemente utilizzata sono i fiori, ma si utilizzano anche i frutti e la corteccia dei rami. I fiori si raccolgono all’inizio della primavera quando si apprestano a sbocciare, recidendoli alla base dell’infiorescenza.

INDICAZIONI
Il biancospino (i fiori) è un buon riequilibratore del sistema cardiovascolare, aiuta a regolarizzare la pulsazione cardiaca e a normalizzare la pressione sanguigna, riducendo anche la tensione nervosa spesso presente nei soggetti affetti da disturbi dell’apparato cardiocircolatorio. Per queste loro proprietà i fiori di biancospino vengono impiegati nella cura di palpitazioni cardiache, aritmie, tachicardie, spasmi vascolari, angina pectoris, nell’ipertensione, nell’arteriosclerosi e nei disturbi della menopausa. Inoltre sono utili nelle insonnie nervose, nelle crisi di ansia, nelle vertigini e nei ronzii alle orecchie.
La polpa fresca dei frutti è vitaminica (ricca di vitamina C), ed ha proprietà astringenti e antidiarroiche, mentre il decotto dei frutti secchi si utilizza per combattere i calcoli della cistifellea e urinari. Sempre il decotto dei frutti viene impiegato come collutorio gengivale in sciacqui e gargarismi per lenire le infiammazioni delle mucose del cavo orale. La corteccia viene da secoli adoperata in decotto come febbrifugo e come astringente intestinale nelle diarree infantili.

È interessante notare come le notevoli proprietà del biancospino non siano associate in particolare a un singolo composto chimico presente nella pianta ma siano dovute all’armonica azione di tutti i componenti presenti nella pianta stessa, azione che come tale è impossibile riprodurre in laboratorio, d’altra parte non ce n’è bisogno visto che la natura già provvede a fornircelo pronto all’uso.

PRINCIPALI PREPARAZIONI E USO
Versare una tazza di acqua bollente su un cucchiaio raso di fiori essiccati; tenete in infusione 15 minuti. Filtrare e spremendo bene il residuo e berne tre tazze al giorno delle quali l’ultima la sera prima di andare a letto, dolcificando con miele se gradito.

VINO
Macerare per 10 giorni 50 g di fiori essiccati e contusi in 1 l di vino bianco, poi filtrare e assumerne un bicchierino da liquore la sera contro l’insonnia oppure 3-4 cucchiai al giorno contro il nervosismo o come coadiuvante nell’ipertensione arteriosa. È molto pratica da assumere anche la tintura madre in gocce nella dose di 30 gocce 2-3 volte al giorno oppure l’estratto secco in opercoli.
A cura di Michele Stellini – Erboristeria dr. Stellini

close

L’intero contenuto di Encanta.it, con particolare riferimento alla rubriche con consigli degli esperti (erboristeria, rimedi naturali, i diritti dei cittadini etc.) deve essere considerato di carattere esclusivamente divulgativo. Le notizie pubblicate hanno solo scopo informativo e divulgativo e in nessun modo sostituiscono o corrispondono al parere specifico di uno specialista, di qualunque genere, che solo ha la possibilità di fornire un parete adeguatamente fondato, in relazione alla persona che si trova di fronte. Le informazioni possono essere modificate o rimosse in qualsiasi momento (ulteriori info nella pagina Disclaimer)

close

Attenzione, il sito è in fase di conversione in database. Non tutti gli articoli sono ancora raggiungibili nel sito interattivo. Per accedere alle pagine in formato xhtml del sito precedente ancora non convertite, potete collegarvi a questo link Encanta, old version