Contro Cesare

Contro Cesare

Contro Cesare

“La maggioranza dei credenti e gran parte del clero, in Italia come in Germania, negò o non seppe o non volle riconoscere la natura anticristiana del fascismo e del nazionalsocialismo, e li considerò alleati formidabili della Chiesa nella lotta contro il comunismo e contro la democrazia laica, che Mussolini e Hitler avevano sconfitto e messo al bando nei loro paesi.” Gli ambigui rapporti tra chiese e stati totalitari indagati da uno storico di fama internazionale.

Il libro
L’ascesa al potere in Europa dopo la Grande Guerra dei regimi totalitari, portatori di concezioni dell’uomo e della vita contrarie alla dottrina e all’etica cristiane, obbligò le Chiese e i credenti ad affrontare il problema della compatibilità tra totalitarismo e cristianesimo. Se il bolscevismo, per l’esplicita professione di ateismo e la persecuzione religiosa attuata dal comunismo sovietico, suscitò la quasi unanime condanna da parte cristiana, più complesso e ambivalente fu il confronto con fascismo e nazionalsocialismo.

Ci furono credenti che seppero comprendere subito la gravità della minaccia dei totalitarismi per il cristianesimo e la civiltà umana, e li combatterono con decisione e convinzione. Figure di antifascisti come don Luigi Sturzo, Francesco Luigi Ferrari o don Primo Mazzolari. Tuttavia la Chiesa cattolica in Italia e le Chiese protestanti in Germania cercarono di stabilire un dialogo e un rapporto con gli Stati totalitari. Lo stesso atteggiamento ambiguo di questi ultimi, oscillante tra omaggio e disprezzo, sostegno e antagonismo nei confronti della religione, ingannò e illuse molti credenti. In particolare ricco di problemi, di tensioni sotterranee e scontri aperti si mostrò il ventennale confronto tra fascismo e cattolicesimo.

In Italia, il primo paese occidentale con un regime a partito unico che sacralizzava la politica e celebrava il culto del capo, Mussolini si era presentato con il Concordato come difensore della Chiesa, la quale considerava il fascismo, come poi il nazionalsocialismo, un “baluardo” contro il bolscevismo, la modernità liberale e la democrazia laica, ma trovava insieme nella religione politica fascista un potenziale concorrente. In Germania, invece, le componenti neopagane che proponevano il nazionalsocialismo come nuova religione anticristiana con un culto teutonico, ariano e antisemita, indussero vescovi cattolici ed esponenti delle confessioni religiose protestanti alla presa di distanza dal regime di Hitler.

Per le coscienze cristiane, il conflitto tra primato di Cristo e primato di Cesare fu un’esperienza drammatica, e per alcuni si rivelò anche un’occasione di riflessione sul significato del totalitarismo e sul pericolo degli integralismi di Stato e di Chiesa.

Cristianesimo e totalitarismo nell’epoca dei fascismi
Emilio Gentile
Collana: Storie – Feltrinelli Editore
Pagine: 448 Prezzo: Euro 25

close

Attenzione, il sito è in fase di conversione in database. Non tutti gli articoli sono ancora raggiungibili nel sito interattivo. Per accedere alle pagine in formato xhtml del sito precedente ancora non convertite, potete collegarvi a questo link Encanta, old version