Salute e benessere

Diabete: la calma è la miglior medicina

Una recente indagine condotta da ricercatori della Duke University di Durham (North Carolina) ha scoperto che i soggetti affetti da diabete di tipo 2 possono veder ridotti i livelli di zucchero nel sangue e molte altre complicazioni semplicemente… mantenendo la calma. I soggetti capaci di controllare lo stress, aiutandosi da soli o grazie all’intervento di […]

Diabete: la calma è la miglior medicina Leggi tutto »

Declino muscolare: non è colpa della vecchiaia

Un gruppo di ricercatori americani sostiene che, contrariamente a quanto generalmente ritenuto, il declino muscolare che inevitabilmente sopraggiunge con l’avanzare dell’età non è dovuto ad una riduzione nella produzione proteica. Questa, aggiungono gli studiosi, è da considerarsi senz’altro una buona notizia, in quanto, sarebbe arduo se non addirittura impossibile, arrestare un declino di quel tipo.

Declino muscolare: non è colpa della vecchiaia Leggi tutto »

Più rischi per chi viene ricoverato nei week-end

Un ridotto personale ospedaliero durante i fine settimana potrebbe comportare un maggior rischio di morte tra i pazienti. Tale conclusione giunge da uno studio effettuato in Canada sui ricoveri di urgenza, nel quale appare piuttosto chiaro il fatto che i pazienti ricoverati il sabato o la domenica hanno minori probabilità di sopravvivere. Per fare alcuni

Più rischi per chi viene ricoverato nei week-end Leggi tutto »

Mancini, attenti all’intestino!

Le persone sinistrorse hanno il doppio delle possibilità di soffrire di malattie intestinali rispetto a quelle che usano la mano destra. Questo è quanto riportato da uno studio di matrice anglosassone, che prefigura l’esistenza di fattori genetici e/o ambientali che collegano il mancinismo alla probabilità di contrarre alcune malattie. Già alcune ricerche precedenti avevano rilevato

Mancini, attenti all’intestino! Leggi tutto »

Chemioterapia: arriva il test per valutarne l’efficacia

Un gruppo di ricercatori di medicina nucleare guidato dal prof. Marco Salvatore ha individuato una tecnica semplice e non invasiva di personalizzazione dei trattamenti chemioterapici: attraverso radiofarmaci assunti per endovena è possibile verificare la presenza della proteina della resistenza, che attenua gli effetti dei farmaci antitumorali, e disegnare appositi schemi chemioterapici per combatterla. Se ne

Chemioterapia: arriva il test per valutarne l’efficacia Leggi tutto »

Torna in alto