Oltre 400 milioni di bambini sotto scacco delle ondate di calore

Il 76% – ovvero 460 milioni – dei bambini in Asia Meridionale sono esposti a temperature estremamente alte. Ben 3 bambini su 4 sono già esposti a temperature più alte rispetto al livello globale, aggravate dalle ondate di calore che superano i 35 gradi. “Con Il mondo in ebollizione globale, i dati mostrano chiaramente che le vite e il benessere di milioni di bambini in Asia meridionale sono sempre più minacciati da ondate di calore e alte temperature. I paesi della regione non sono i più caldi al mondo attualmente, ma il caldo comporta rischi mortali per milioni di bambini vulnerabili. Siamo particolarmente preoccupati per i neonati, i bambini piccoli, i bambini malnutriti e le donne in gravidanza perché sono i più vulnerabili ai colpi di calore e ad altri effetti gravi” (S. Wijesekera)

Secondo un’analisi dell’UNICEF in Asia meridionale vive la più alta percentuale di bambini esposti a temperature estremamente alte, rispetto a tutte le altre regioni.
L’UNICEF stima che il 76% dei bambini sotto i 18 anni in Asia meridionale – 460 milioni – sono esposti a temperature estremamente alte dove per 83 o più giorni l’anno vengono superati i 35 gradi . Questo significa che3 bambini su 4 in Asia meridionale sono già esposti a temperature estremamente alte rispetto a 1 su 3 (32%) a livello globale . L’Analisi si basa su dati del 2020, gli ultimi disponibili.

Inoltre, i dati mostrano cheil 28% dei bambini in Asia meridionale sono esposti a 4,5 o più ondate di calore l’anno, rispetto al 24% a livello globale.

Luglio è stato il mese più caldo mai registrato a livello globale , ponendo ulteriori preoccupazioni su un futuro in cui i bambini, compresi coloro che vivono in Asia meridionale, si prevede affronteranno ondate di calore più frequenti e gravi, dovute in larga parte al cambiamento climatico.

“Con Il mondo in ebollizione globale,i dati mostrano chiaramente che le vite e il benessere di milioni di bambini in Asia meridionale sono sempre più minacciati da ondate di calore e alte temperature. I paesi della regione non sono i più caldi al mondo attualmente, ma il caldo comporta rischi mortali per milioni di bambini vulnerabili”, ha dichiaratoSanjay Wijesekera, Direttore Regionale UNICEF per l’Asia meridionale . ” Siamo particolarmente preoccupati per i neonati, i bambini piccoli, i bambini malnutriti e le donne in gravidanza perché sono i più vulnerabili ai colpi di calore e ad altri effetti gravi”.

Secondo l’Indice di Rischio Climatico peri Bambini (CCRI) 2021 dell’UNICEF,i bambini in Afghanistan, Bangladesh, India, Maldive e Pakistan sono esposti ad un rischio estremamente alto a causa degli impatti del cambiamento climatico.

In aree della Provincia del Sindh nel Pakistan meridionale, compresa Jacobabad, la città più calda al mondo nel 2022, le temperature a giugno erano di 40 gradi, esponendo 1,8 milioni di persone a gravi rischi sanitari di breve e lungo periodo . Il calore rovente è arrivano a meno di un anno dalle devastanti inondazioni che hanno lasciato la maggior parte del Sindh meridionale sott’acqua ad Agosto 2022. Oltre 800.000 bambini nelle aree colpite dalle inondazioni erano a rischio di grave stress da calore a giugno 2023 .

Anche nella stagione delle piogge, il caldo può aggravare la situazione per i bambini.Questo perchè i bambini non possono adattarsi velocemente al cambiamento delle temperature e non sanno ridurre la temperatura corporea. Questo può causare nei bambini piccoli sintomi e malattie come alta temperature corporea, accelerazione del battito cardiaco, crampi, forti mal di testa, confusione, collasso degli organi, disidratazione, svenimento e coma; nei neonati scarso sviluppo mentale, battute d’arresto nello sviluppo come disfunzioni neurologiche e malattie cardiovascolari; nelle donne in gravidanza, che sono particolarmente vulnerabili al caldo, rischi di contrazioni precoci, ipertensione, convulsioni, pressione alta, nascite prima del termine e rischio di morte neonatale.

Peri bambini piccoli, impacchi di ghiaccio, ventilatori o acqua nebulizzata possono aiutare a ridurre la temperatura corporea, mentre l’immersione in acqua fredda può aiutare i bambini più grandi.

Istruzione, consapevolezza e preparazione sono la chiave per rispondere a questa crisi . Durante le alte temperature, l’ UNICEF esorta gli operatori in prima linea, genitori, famiglie, persone che si prendono cura dei bambini e le autorità locali a proteggere i bambini ebattere il caldo ( B.E.A.T. the heat )seguendo questi passi:
Essere consapevoli dello stress da caldo e proteggere se stessi e i bambini. Prendere misure preventive, riconoscere lo stress da caldo e sapere cosa fare; Capire velocemente i sintomi.Riconoscere i sintomi delle varie malattie legate al caldo che coloro che si prendono cura dei bambini, comunità e operatori in prima linea devono saper comprendere; Agire subito per proteggere. Imparare gli interventi di primo soccorso che coloro che si prendono cura dei bambini e operatori in prima linea devono intraprendere per ridurre il calore corporeo in breve tempo; Recarsi in una struttura sanitaria. Gli operatori in prima linea, le famiglie e coloro che si prendono cura dei bambini dovrebbero saper riconoscere i sintomi dello stress da caldo immediatamente, soprattutto i segnali di colpi di calore e aiutare le persone colpite ad andare in una struttura sanitaria.
Infine, i bambini, gli adolescenti e le donne più vulnerabili sono coloro che pagano il prezzo più alto di eventi climatici estremi.

“I bambini piccoli semplicemente non possono gestire il caldo”, ha aggiunto Wijesekera. “Se non agiamo adesso, questi bambini continueranno a subire sempre più frequenti e forti ondate di calore nei prossimi anni, non per colpa loro.”

Note:
– Ondata di calore: Qualsiasi periodo di 3 o più giorni in cui la temperatura massima giornaliera supera del 10% la media locale di 15 giorni.

– Alta frequenza di ondate di calore: Dove si verificano in media 4,5 o più ondate di calore all’anno.

– Temperature estreme: Dove, in media, 83,54 o più giorni all’anno superano i 35°C.

Fonte: UNICEF

Foto Unsplash (licenza gratuita per tutti gli usi – Creative Commons CC0)

Torna in alto