Le piramidi furono costruite con gli aquiloni?

Quando pensiamo alla costruzione delle piramidi egiziane, davanti ai nostri occhi appare l’immagine di migliaia di schiavi che con estreme sofferenze fanno rotolare enormi blocchi di pietra.

Ma un professore di aeronautica della Caltech si è messo in testa di dimostrare come il gravoso compito potrebbe essere stato agevolato da un aquilone in grado di trasportare le pietre. Il 23 giugno scorso, in un deserto della California, Mory Gharib e la sua squadra sono riusciti ad alzare un obelisco alto tre metri e pesante tre tonnellate in posizione verticale, usando soltanto un aquilone, una carrucola ed un sostegno. Nonostante la mancanza di un vento regolare sono riusciti a mantenere l’obelisco sollevato da terra per 25 secondi.

Il loro prossimo obiettivo è quello di sollevare un obelisco ancora più grande, per dimostrare che anche i giganteschi monumenti dell’antico Egitto – comprese le piramidi -, potrebbero essere stati trasportati con minor sforzo di quanto gli studiosi hanno fino ad oggi supposto. Per avvalorare le ipotesi degli scienziati e dimostrare questa bizzarra teoria non è mancata una seria ricerca storica ed archeologica. Uno studio approfondito sugli strumenti ed i materiali posseduti dagli antichi Egizi ha evidenziato, ad esempio, che la croce ansata, uno strano oggetto ritenuto dagli studiosi un simbolo religioso, si sarebbe ottimamente prestato come gancio per regolare la corda di un aquilone. Ed un tipo di insetto che si trova comunemente in Egitto avrebbe potuto fornire una specie di gommalacca in grado di far tenere il vento alle vele di lino dell’aquilone.

Insomma, Mory Gharib ed il suo team sono convinti che gli antichi Egizi avessero la possibilità e le conoscenze per attuare un tale procedimento nell’innalzare i loro monumenti. Senza contare, nell’ipotesi storicamente accettata, le obiettive difficoltà logistiche nel coordinare migliaia di schiavi in operazioni di trasporto molto complesse.
Inutile dire che se la teoria avesse qualche fondamento, la storia dell’antico Egitto e delle sue Piramidi ne uscirebbe completamente rivoluzionata.

close

Attenzione, il sito è in fase di conversione in database. Non tutti gli articoli sono ancora raggiungibili nel sito interattivo. Per accedere alle pagine in formato xhtml del sito precedente ancora non convertite, potete collegarvi a questo link Encanta, old version