Il coraggio della verità

Il coraggio della verità

Il coraggio della verità

“La parresia è, in poche parole, il coraggio della verità di colui che parla e si assume il rischio di esprimere, malgrado tutto, l’intera verità che ha in mente; ma è anche il coraggio dell’interlocutore che accetta di accogliere come vera la verità oltraggiosa da lui sentita.” Quello del 1984 è l’ultimo corso tenuto da Michel Foucault al Collège de France. Già malato, comincia le lezioni solo a febbraio per terminarle alla fine di marzo. Muore pochi mesi dopo, il 25 giugno. Queste circostanze gettano una luce particolare sul corso, che si è portati a leggere come una sorta di testamento spirituale.

Il libro Quello del 1984 è l’ultimo corso tenuto da Michel Foucault al Collège de France. Già malato, comincia le lezioni solo a febbraio per terminarle alla fine di marzo. Muore pochi mesi dopo, il 25 giugno. Queste circostanze gettano una luce particolare sul corso, che si è portati a leggere come una sorta di testamento spirituale, dove il tema della morte ricorre frequentemente. Il corso prosegue e radicalizza le analisi condotte l’anno precedente.

Anche qui, la domanda centrale ruota intorno alla funzione del “dire-il-vero” e al ruolo che la verità riveste nell’ambito della politica e dei rapporti di potere. Si tratta in sostanza di stabilire, nell’ambito della democrazia, un certo numero di condizioni etiche che sono irriducibili alle regole formali del consenso ma che fanno appello alla dimensione morale individuale: il coraggio di fronte al pericolo e la coerenza. Foucault ritorna alle radici della filosofia greca, rivalutandone l’idea di democrazia contrapposta a ogni forma di tirannia, antica e moderna. Nella morte di Socrate non emerge la paura di morire, ma l’angoscia di non poter portare a compimento la propria “missione essenziale”, il compito che dà senso a una vita.

Attraverso una rivalutazione del pensiero dei cinici – del cinismo antico e delle sue “posterità” moderne e contemporanee – viene sottolineata sia l’importanza di un radicale ritorno all’elementarità dell’esistenza sia lo “scandalo della vita vera”: al tempo stesso provocazione pubblica e pratica filosofica, che comporta un accoglimento dell’essenzialità delle cose; si tratta di una vita scandalosa, inquietante, antagonista; una vita ai margini, ma anche una vita che costituisce la critica del mondo esistente e sostiene al tempo stesso l’appello a una vita “altra”.

Il governo di sé e degli altri II. Corso al Collège de France (1984)
Michel Foucault
Cura: Mario Galzigna
Frédéric Gros
Traduzione: Mario Galzigna
Collana: Campi del sapere

close

Attenzione, il sito è in fase di conversione in database. Non tutti gli articoli sono ancora raggiungibili nel sito interattivo. Per accedere alle pagine in formato xhtml del sito precedente ancora non convertite, potete collegarvi a questo link Encanta, old version