Aiutami tu

Aiutami tu

Aiutami tu

Paolo Di Stefano
Collana: I Narratori
Pagine: 208
Prezzo: Euro 15

“Aiutami tu si inserisce in quel filone, che va dal Giovane Holden a Io non ho paura. È un filone sempre più presente nella letteratura italiana. Il “bambino cattivo” in genere si assume le responsabilità che non sanno prendersi i genitori, e forse la frequenza di questa figura nella letteratura contemporanea è il segno della debolezza della famiglia nella nostra società (del resto, anche il romanzo familiare è un genere in crescita negli ultimi anni: il caso di Franzen è solo uno dei più famosi). Il “bad boy” è un bambino costretto a crescere troppo in fretta per prendere il posto di un padre e una madre assenti, inadeguati o immaturi. Diventa cattivo perché non riesce a misurare e a contenere la propria emotività di fronte alla cattiveria del mondo. Pietro, come la mocciosa, qualche volta ha paura ma né l’uno né l’altro vuole ammetterlo. Più raramente hanno paura e lo dicono. Non sempre il loro sentimento della paura risponde ai nostri criteri, reagiscono in modo imprevedibile, come accade agli adolescenti: e finiscono per mostrare, di fronte a ciò che li minaccia, un coraggio e una coerenza che gli adulti – e per loro parleremmo di etica – non avrebbero.”

Il libro
Pietro, tredici anni, scrive a Marianna, la chiama con mille nomi diversi oppure la contrae in una M puntata. Sappiamo che Marianna è una presenza sfuggente, anche eroticamente sfuggente, ma, aspetto ben più decisivo, sappiamo che è il suo unico interlocutore. E Pietro scrive. Scrive perché ha assolutamente bisogno di raccontare, di evocare desideri, di squadernare misteri, di dare una forma al caos della sua vita famigliare. Pietro e la sorellina, altrimenti chiamata “la mocciosa”, sono in balia dei genitori che si detestano e di una coppia di anziani baciapile, i Nespola, ai quali spesso vengono affidati. Vicini di casa e legati alla madre da un oscuro legame di dipendenza, i Nespola ammanniscono cibi ributtanti, pregano, tramano nell’ombra e sparlano del padre.

Pietro e la sorellina capiscono che se l’ostilità fra i genitori diventa sempre più profonda è anche perché l’intrusione dei Nespola si fa sempre più minacciosa. Pietro addensa intorno a questa minaccia cupe fantasie di terroristi, di rapimenti, di delitti. Di tanto in tanto coglie sprazzi luminosi, quasi la realtà volesse lasciare intendere che una beatitudine esiste: un sorriso della madre, una gita al lago con il padre, il seno generoso della compagna di banco. Ma sono tracce sempre più sottili. Pietro vuole una vita normale. La vuole per sé e per la “mocciosa”. Vuole giustizia. E per avere giustizia, è pronto a tutto. È pronto a tradurre in un concreto piano di liberazione quello che era solo il sobbollire di un’immaginazione sofferente

close

Attenzione, il sito è in fase di conversione in database. Non tutti gli articoli sono ancora raggiungibili nel sito interattivo. Per accedere alle pagine in formato xhtml del sito precedente ancora non convertite, potete collegarvi a questo link Encanta, old version