Telefonia mobile: svanito “l’effetto Iliad”, i prezzi tornano a salire

Telefonia mobile: svanito “l’effetto Iliad”, i prezzi tornano a salire

Telefonia mobile: svanito “l’effetto Iliad”, i prezzi tornano a salire

Ormai archiviato “l’effetto Iliad”, i prezzi delle offerte ricaricabili ricominciano a salire (in media del 35,10%). Sono soprattutto gli operatori tradizionali a rincarare le tariffe. La concorrenza delle nuove compagnie entrate lo scorso anno nel mercato italiano ormai incide poco nella definizione dei prezzi. Ma i pacchetti dell’estate 2019 sono diventati più generosi di Gb e sms. L’ultima indagine SosTariffe.it svela come ora gli operatori puntino tutto o quasi, sul traffico dati

È passato circa un anno dal debutto di Iliad in Italia. La compagnia francese aveva innescato un’aspra battaglia all’ultimo cliente tra gli operatori già attivi sul mercato della telefonia mobile, con continue offerte al ribasso per fronteggiare i prezzi mini del nuovo provider, a beneficio dei consumatori. Diversi mesi dopo, “l’effetto Iliad” sembra ormai archiviato. I prezzi dei pacchetti tornano a salire, anche se, nel frattempo, le offerte si sono arricchite di più minuti di conversazione, ma anche di una valanga di sms e GB. Le compagnie ora puntano soprattutto sul traffico dati per ‘sedurre’ i nuovi clienti. A fare il punto della situazione è l’ultima indagine SosTariffe.it, che ha passato in rassegna le tariffe ricaricabili degli operatori tradizionali e virtuali proposte durante l’estate 2019.

Operatori tradizionali: prezzi in rapida risalita (+54%) e pacchetti generosi con i GB
Dopo il drastico calo dei prezzi nei primi mesi successivi all’ingresso del mercato del nuovo provider francese, la situazione è andata ormai  completamente “a regime” e il mercato sembra ormai essersi assestato su un nuovo equilibrio. Ma cosa è cambiato, un anno dopo? I prezzi tornano ora a salire, ma le offerte ricaricabili, metabolizzata la novità Iliad, sono ora più ricchi e vantaggiosi, soprattutto in termini di traffico dati, e in grado di fronteggiare anche le esigenze dei consumatori iperconnessi.

Lo studio SosTariffe.it, condotto a luglio 2019 tramite il proprio comparatore delle offerte per telefonia mobile, ha rilevato infatti un aumento del 54,10% dei prezzi se si considerano le principali tariffe ricaricabili dei soli operatori tradizionali. Per operatori tradizionali o Mobile Network Operator (MNO) intendiamo i provider che dispongono di una rete di proprietà in Italia, che allo stato attuale sono Tim, Vodafone, Wind, H3G e Iliad.

Se in media dunque a luglio 2018 una tariffa ricaricabile comprensiva di chiamate, traffico dati e messaggi (comprese le principali tariffe win back) costava solo 9,11 euro, ora si aggira intorno ai 14,04 euro (54,10% in più). Però, anche i pacchetti si sono arricchiti. Ora, per vincere la concorrenza, meno spietata di un anno fa, si punta soprattutto sul traffico dati. Sono cresciuti i minuti compresi nell’offerta media che da 2232 sono saliti a 2851 (circa il 27,7% più), e anche gli sms, da 1190 a 1648 (pari al 38,5% in più). La dotazione in assoluto più generosa delle attuali offerte, è quella relativa al traffico dati, più che raddoppiato rispetto a un anno fa. Le compagnie puntano tutto sulla connettività. Si è passati infatti da 19 gigabyte mensili inclusi ai 48,47 gigabyte compresi ogni mese (circa il 150,5% in più).



close

Attenzione, il sito è in fase di conversione in database. Non tutti gli articoli sono ancora raggiungibili nel sito interattivo. Per accedere alle pagine in formato xhtml del sito precedente ancora non convertite, potete collegarvi a questo link Encanta, old version