I moscerini? Quasi nostri gemelli

I moscerini? Quasi nostri gemelli

La ‘Drosophila melanogaster’, più conosciuta come ‘moscerino della frutta’, è uno degli organismi più studiati nella genetica e oggetto di divulgazione biologica. Presenta caratteristiche sorprendenti: il 70% del suo Dna è simile al nostro, pur essendo il suo genoma dieci volte più piccolo, tanto da essere usato come modello per indagare il meccanismo biologico del sistema immunitario. La ‘Drosophila melanogaster’, più conosciuta come ‘moscerino della frutta’, è uno degli organismi più studiati nella genetica e oggetto di divulgazione biologica. Insetto dell’ordine dei ditteri facilmente allevabile in laboratorio, presenta caratteristiche sorprendenti: il 70% del suo Dna è simile al nostro, pur essendo il suo genoma dieci volte più piccolo, tanto da […]

L’effetto serra? Sta ritardando la prossima glaciazione

L’effetto serra? Sta ritardando la prossima glaciazione

Ricercatori del Consiglio nazionale delle ricerche e dell’Università di Pisa hanno dimostrato che la concentrazione di CO2 sta prolungando l’attuale periodo interglaciale. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista internazionale ‘Geology’. L’uomo avrebbe modificato il ciclo naturale dei gas serra nell’atmosfera aumentandone il contenuto ben prima della rivoluzione industriale. L’effetto serra conseguente alla cospicua concentrazione di anidride carbonica nell’atmosfera starebbe prolungando l’attuale periodo interglaciale, iniziato circa 11.700 anni fa. Gli effetti climatici della CO2, peraltro già relativamente elevata prima dell’avvento della rivoluzione industriale, sono infatti tali da inibire l’inizio di un’era glaciale. È quanto emerge da uno studio appena pubblicato nella rivista ‘Geology’ e condotto da un team internazionale di […]

Il prato nel piatto

Il prato nel piatto

L’uso dei fiori in cucina ha una tradizione di migliaia di anni: trova origine in Cina, attraversa la civiltà romana e greca, si espande in Oriente e invade l’Occidente, fino ad arrivare ai giorni nostri. L’aspetto decorativo è solo una delle potenzialità che i fiori hanno in cucina, essi infatti possono rendere alcune ricette più gustose, ma anche più ricche di principi nutritivi, quali vitamine, antiossidanti, zuccheri e proteine. Con i fiori in cucina, però, non si scherza e bisogna prestare molta attenzione, come spiega Silvia Fineschi, dell’Istituto per la protezione sostenibile delle piante (Ipsp) del Cnr: “Prima di usare piante o parti di esse nelle nostre ricette dobbiamo sapere […]

La stagione dell’amore. Anticipata

La stagione dell’amore. Anticipata

Gli studi dell’Istituto di scienze dell’atmosfera e del clima del Cnr rivelano che le temperature medie annuali sono cresciute negli ultimi due secoli di 1,7 °C, spesso causando l’arrivo anticipato della bella stagione. Questa primavera prematura come può influenzare le abitudini degli animali che vanno in letargo? “Il letargo è uno stratagemma della natura che aiuta alcuni animali a superare i mesi più freddi dell’anno”, afferma Giovanni Amori dell’Istituto per lo studio degli ecosistemi (Ise) del Cnr di Roma. “Molti pensano che sia semplicemente un lungo sonno, ma non è così: è un cambiamento fisiologico radicale delle abitudini dell’animale, che gli permette di sopravvivere in risparmio energetico fino alla successiva […]

Il carbonio che respiriamo

Il carbonio che respiriamo

È presente in grande quantità nell’atmosfera ed è dannoso per la salute dell’uomo. Lo conferma uno studio condotto dal Cnr, il primo del suo genere a livello nazionale, pubblicato sulla rivista Atmospheric Environment. Recentemente, studi epidemiologici hanno fatto sì che l’Organizzazione mondiale della sanità puntasse gli occhi su questo inquinante emergente per i suoi effetti dannosi ai danni dei sistemi respiratorio e cardiovascolare, oltre che per i possibili effetti cancerogeni. Nell’aria che respiriamo tutti i giorni è presente una sottile polvere nera, chiamata carbonio elementare (più noto con il termine inglese black carbon), che è oggetto di una ricerca, la prima in Italia, effettuata da un team di ricercatori del […]

Riprodotti al computer i ‘mattoni della vita’

Riprodotti al computer i ‘mattoni della vita’

Come è avvenuto il passaggio dall’inorganico all’organico? Come, in sostanza, ha avuto origine la vita? Fisici dell’Istituto per i processi chimico-fisici del Cnr di Messina e della Sorbona di Parigi hanno riprodotto, mediante avanzate tecniche di simulazione numerica, i risultati del famoso esperimento di Miller, cioè la formazione di aminoacidi dalle semplici molecole inorganiche contenute nel ‘brodo primordiale’ e sottoposte a intensi campi elettrici. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista scientifica dell’Accademia delle scienze americane Pnas (nella foto, un’immagine dell’esperimento). Come è avvenuto il passaggio dall’inorganico all’organico? Come, in sostanza, ha avuto origine la vita? Un importante passo in avanti nelle nostre conoscenze è stato compiuto grazie a due […]

Dimagrire, il Dna non basta

Dimagrire, il Dna non basta

Raggiungere una perfetta forma senza troppi sacrifici. È il sogno di chi è perennemente a dieta. Tuttavia, grazie ai progressi nel campo della scienza e della nutrizione un aiuto per individuare un regime alimentare efficace e ‘su misura’, potrebbe arrivare dall’esame del Dna. Con un semplice test genetico, non invasivo, è possibile stabilire una dieta ‘personalizzata’, sulla base delle indicazioni fornite dal nostro genoma. Ma in che cosa consiste la ‘dieta genetica’ e, soprattutto, funziona? “La dieta genetica si basa sull’interazione tra genetica e nutrizione dell’individuo, al fine di proporre un regime alimentare personalizzato”, spiega Roberto Volpe, del Servizio prevenzione e protezione (Spp) del Consiglio nazionale delle ricerche. “Che la […]

Controllare l’interruttore che mette fine al senso di fame

Controllare l’interruttore che mette fine al senso di fame

L’obesità è una vera e propria malattia classificata come ‘cronica’: in Europa interessa 150 milioni di adulti e la sua incidenza è in costante aumento. E può facilitare l’insorgere di altre gravi patologie quali il diabete o l’ipertensione, malattie cardiovascolari, stati d’ansia e persino tumori. Secondo un recente studio dell’Endocannabinoid Research Group (Erg) dell’Istituto di cibernetica ‘Eduardo Caianiello’ (Icib) e dell’Istituto di chimica biomolecolare (Icb) del Cnr di Pozzuoli la condizione di obesità è accompagnata da un’alterazione delle connessioni sinaptiche del sistema nervoso che interessano in particolare i neuroni ‘orexinergici’, responsabili della regolazione dell’appetito e del sonno. Comprendere i meccanismi alla base di queste alterazioni può quindi avere importanti ricadute […]

Il segreto per sconfiggere il monossido di carbonio

Il segreto per sconfiggere il monossido di carbonio

Su Science lo studio di un gruppo di ricerca dell’Iccom-Cnr e dell’Università di Trieste con collaborazioni in USA che ha messo a punto un metodo per comprendere come funzionano i catalizzatori eterogenei. Le applicazioni future: conversione del monossido di carbonio, produzione sostenibile di idrogeno, miglioramento del funzionamento di impianti petrolchimici, ottimizzazione di processi chimici. L’utilizzo di piccolissimi mattoncini costituiti da nanocristalli uniformi, simili alle costruzioni del ‘Lego’, ha permesso di realizzare dei catalizzatori con accuratezza e conoscenza mai ottenute prima. Questo innovativo approccio ha aperto la strada per comprendere i meccanismi con cui trasformare un ‘gas killer’ come il monossido di carbonio nella più innocua anidride carbonica, aprendo al contempo […]

Il sonno fa bene all’umore

Il sonno fa bene all’umore

Numerose ricerche scientifiche hanno permesso di identificare chiaramente l’importanza del sonno per gli esseri umani e di individuare le sue diverse fasi. L’attività mentale espressa nella fase Rem potrebbe facilitare la risoluzione di precedenti conflitti emotivi, inducendo una modulazione positiva del tono dell’umore. “La scoperta del sonno Rem risale al 1953, quando Eugene Aserinsky e Nathaniel Kleitman osservarono l’alternarsi di due diverse fasi: la Rem (Rapid Eye Movement), caratterizzata da una frenetica attività del cervello e dalla presenza di rapidi movimenti degli occhi, e la fase NRem, in cui tale attività è assente”, spiega Angelo Gemignani dell’Istituto di fisiologia clinica (Ifc) del Cnr di Pisa. “In genere, durante una notte […]