L’antimicrobico ideale: l’estratto di semi di pompelmo

L’antimicrobico ideale: l’estratto di semi di pompelmo

L’antimicrobico ideale: l’estratto di semi di pompelmo

Nel 1980 in Florida, in un mucchio di materiale da compostaggio, un amante del giardinaggio molto attento osservò che i semi di pompelmo nel fertilizzante vegetale non si decomponevano. Incuriosito, il dottor Jacob Harich, così si chiamava questo amante del giardinaggio, osservò con molta attenzione questo fenomeno e scoprì una cosa molto interessante. Nei semi di pompelmo si nascondeva una sostanza che, a quanto pareva, era più efficace e meno nociva di quanto ogni altro antibiotico conosciuto. Si scoprì poi che l’estratto di semi di pompelmo neutralizzava non solo i virus e i batteri ma anche i lieviti, altri tipi di funghi e i parassiti.

Quali sono le caratteristiche che dovrebbe avere un antimicrobico ideale? Vediamole in dettaglio:
1. l’antimicrobico ideale deve avere uno spettro d’azione il più ampio possibile poiché, in caso di malattia, difficilmente si identifica con certezza il singolo agente patogeno o l’esatta combinazione di essi. I risultati delle ricerche effettuate fino ad ora indicano che l’estratto di semi di pompelmo agisce su circa 800 ceppi di batteri e virus, circa 100 ceppi di funghi e molti parassiti. 

2.L’antimicrobico ideale deve avere un’azione forte e potente. L’estratto di semi di pompelmo esercita un’azione antimicrobica ad una concentrazione media di 1 a 1000, il che corrisponde a 8 gocce (a seconda del prodotto) in un bicchiere d’acqua. Ricerche scientifiche hanno dimostrato che il limite di assunzione, oltre il quale si rischierebbe l’intossicazione, è 4000 volte superiore alla dose normale di 10-12 gocce.

3. L’antimicrobico ideale non deve indebolire il sistema immunitario. Questo criterio viene garantito. L’estratto di semi di pompelmo viene utilizzato con successo nei principali deficit del sistema immunitario poiché la sua vasta attività antimicrobica rinforza il sistema immunitario.

4. L’antimicrobico ideale non deve modificare la flora batterica utile. Le prime ricerche indicano che l’estratto di semi di pompelmo, a dosaggio normale, pur inibendo i batteri nocivi dell’intestino, non aggredisce i principali batteri del ceppo bifidus e riduce in modo non significativo i lattobacilli. Sembra inoltre che la distruzione dei saccaromiceti e di altri agenti patogeni permetta una crescita migliore della flora batterica intestinale.

5. L’antimicrobico ideale deve essere in prodotto di origine naturale poiché i prodotti di sintesi possono avere effetti collaterali imprevedibili sull’organismo, a breve e a lungo termine. L’estratto viene prodotto dalla macinazione dei semi e, parzialmente, delle membrane della polpa del frutto. Si tratta quindi di una sostanza completamente naturale.

6. L’antimicrobico ideale deve essere ipoallergenico, poiché molte persone presentano reazioni allergiche agli antibiotici comunemente reperibili in commercio. La maggior parte dei medici che hanno prescritto l’estratto di semi di pompelmo non ha registrato alcuna razione allergica nei pazienti. Negli individui allergici agli agrumi, che quindi potrebbero essere sensibili anche all’estratto di semi di pompelmo, si dovrebbe comunque iniziare con un dosaggio ridotto.

Due altri criteri di scelta si basano sulla convenienza del prodotto e sull’esistenza di un’ampia ricerca scientifica. L’estratto di semi di pompelmo soddisfa pienamente entrambi i requisiti. Un numero sempre crescente di medici e terapeuti si è interessato alla nuova sostanza e ha iniziato a prescriverla ai pazienti documentandone gli effetti. Le applicazioni più frequenti riguardano le malattie dello stomaco e dell’intestino, le infezioni da saccaromiceti, le malattie da raffreddamento, le infezioni della gola, del naso e delle orecchie, le malattie delle unghie e le micosi cutanee, le vaginiti, le gengiviti, per citarne solo alcune. Il prodotto viene anche utilizzato per rafforzare il sistema immunitario e per prevenire le infezioni nei pazienti con sintomi cronici da immunodeficienza: per esempio quelli colpiti da AIDS, astenia cronica o candida.
A cura di Michele Stellini – Erboristeria dr. Stellini

close

L’intero contenuto di Encanta.it, con particolare riferimento alla rubriche con consigli degli esperti (erboristeria, rimedi naturali, i diritti dei cittadini etc.) deve essere considerato di carattere esclusivamente divulgativo. Le notizie pubblicate hanno solo scopo informativo e divulgativo e in nessun modo sostituiscono o corrispondono al parere specifico di uno specialista, di qualunque genere, che solo ha la possibilità di fornire un parete adeguatamente fondato, in relazione alla persona che si trova di fronte. Le informazioni possono essere modificate o rimosse in qualsiasi momento (ulteriori info nella pagina Disclaimer)

close

Attenzione, il sito è in fase di conversione in database. Non tutti gli articoli sono ancora raggiungibili nel sito interattivo. Per accedere alle pagine in formato xhtml del sito precedente ancora non convertite, potete collegarvi a questo link Encanta, old version