Immagine Beneasapersi

Farmaci gratis: quando e come

Meno spese per l'acquisto di farmaci. Questa è la conseguenza diretta delle ultime novità in fatto di esenzioni, che ha visto crescere la lista dei farmaci completamente gratuiti, e delle patologie per cui è prevista l'esenzione. Il Ministero della Sanità, tra i più attivi sulla Rete, ha dedicato al tema esenzioni un intero settore del sito. Ecco le risposte alle domande più frequenti, e le indicazioni sul "cosa fare" quando si vuol richiedere un'esenzione. Infine, l'elenco dei medicinali erogabili a totale carico del SSN ai sensi della legge 648/96.
FAQ
Di seguito sono riportate le risposte ad alcune delle domande più frequenti su esenzioni e patologie.
Si può chiedere l'esenzione per più di una malattia? In tal caso a quali prestazioni si ha diritto?
Sì. Per ciascuna malattia, si ha diritto alle prestazioni individuate dal Decreto ministeriale 28 maggio 1999, n. 329.
Le prestazioni esenti secondo il nuovo regolamento sono cambiate rispetto al decreto precedente?
Sì, per la maggior parte delle malattie l'insieme delle prestazioni fruibili in esenzione è stato aggiornato e sensibilmente ampliato secondo le più recenti conoscenze scientifiche. Gli elenchi delle prestazioni per ciascuna malattia sono visibili nelle pagine di Malattie esenti.
L'esenzione cambia anche per gli invalidi?
No, è confermato il regime delle esenzioni attualmente vigente per le diverse categorie di invalidi.
Perché per alcune malattie non è riportato un elenco dettagliato delle prestazioni esenti?
Perché si tratta di malattie che possono manifestarsi con quadri clinici molto diversi tra loro e, quindi, richiedere prestazioni sanitarie differenti. Il medico dovrà scegliere, tra le prestazioni incluse nei livelli di assistenza, quelle necessarie e più appropriate alla specifica situazione clinica.
Che durata ha l'attestato di esenzione?
La durata dell'attestato può variare per le diverse malattie ed è comunicata dall'Azienda USL che lo rilascia.
A quali visite specialistiche si ha diritto in esenzione?
A tutte le visite di controllo successive a quella in cui è stata formulata la diagnosi, purché utili al monitoraggio della specifica malattia per la quale il cittadino è esente. Se l'assistito deve eseguire una visita per un evento indipendente da quella malattia o dalle sue complicanze, dovrà pagare la quota di partecipazione secondo le disposizioni vigenti.
Quali sono le novità introdotte dalla nuova finanziaria 2001?
È abolita la quota di partecipazione per ricetta per:
alcune prestazioni specialistiche per la diagnosi precoce dei tumori della mammella, dell'apparato genitale femminile, del carcinoma e delle precancerosi del colon retto, nella popolazione a rischio; alcuni accertamenti diagnostici e strumentali specifici per le patologie neoplastiche dell'età giovanile in soggetti a rischio di età inferiore a quarantacinque anni, individuati secondo criteri che saranno determinati con decreto del Ministero della Sanità. A partire dall'1 gennaio 2002, il tetto massimo, per ricetta, della quota di partecipazione per le prestazioni specialistiche ambulatoriali si riduce da 70.000 a 23.000.Dal 2003, viene abolita. A partire dal 1 gennaio 2001 è abolita ogni forma di partecipazione al costo dei farmaci prescrivibili a carico del Ssn.
A partire dal 1 luglio 2001 è soppressa la classe B dei farmaci; tali farmaci saranno classificati dalla Commissione Unica del Farmaco (CUF) nella classe A o nella classe C, sulla base della loro efficacia terapeutica e delle loro caratteristiche prevalenti.
La CUF provvederà ad individuare i farmaci destinati al trattamento delle malattie incluse nel D.M. 28 maggio 1999 n. 329 ed il loro confezionamento ottimale per ciclo di terapia (28-40 gg.). A decorrere dal settimo mese successivo alla data di pubblicazione del relativo provvedimento la prescrizione potrà contenere fino a due pezzi per ricetta. Fino ad allora, rimane confermata la possibilità di prescrivere ai soggetti esenti per patologia fino a sei pezzi per ricetta (pluriprescrizione).
Guida all'esenzione
L'esenzione deve essere richiesta all'Azienda USL di residenza, presentando un certificato medico che attesti la presenza di una o più malattie incluse nel D.M. 28 maggio 1999, n. 329. Il certificato deve essere rilasciato da un presidio ospedaliero o ambulatoriale pubblico.
Sono validi ai fini del riconoscimento dell'esenzione anche:
  • la copia della cartella clinica rilasciata da una struttura ospedaliera pubblica
  • la copia del verbale di invalidità
  • la copia della cartella clinica rilasciata da una struttura ospedaliera privata accreditata, previa valutazione del medico del Distretto sanitario della Azienda USL di residenza
  • i certificati delle Commissioni mediche degli Ospedali militari
  • le certificazioni rilasciate da Istituzioni sanitarie pubbliche di Paesi appartenenti all'Unione europea. L'Azienda USL rilascia, nel rispetto della tutela dei dati personali, un attestato che riporta la definizione della malattia con il relativo codice identificativo e le prestazioni fruibili in esenzione secondo il D.M. 28 maggio 1999, n. 329.

Coloro che sono già esenti per le seguenti malattie:
Angioedema ereditario, Dermatomiosite, Pemfigo e pemfigoidi, Anemie congenite, Fenilchetonuria ed errori congeniti del metabolismo, Miopatie congenite, Malattia di Hansen, Sindrome di Turner, Spasticità da cerebropatia, Retinite pigmentosa hanno diritto a mantenere l'esenzione già rilasciata, in attesa dell'emanazione del regolamento sulle malattie rare che prevede per queste condizioni una più ampia tutela. Chi chiede per la prima volta l'esenzione per una di tali malattie riceverà un attestato provvisorio di esenzione, in attesa dell'emanazione del regolamento.
Le Aziende USL stanno completando, per alcune malattie, le procedure di verifica delle attestazioni di esenzione rilasciate ai sensi della precedente normativa (D.M. 1/2/91). Per il rinnovo delle esenzioni, l'Azienda USL può richiedere all'assistito ulteriore documentazione. In questi casi è opportuno consultare il proprio medico di famiglia per valutare insieme cosa fare.
Informazioni dettagliate ed aggiornate le trovate all'URL: www.sanita.it

Inizio pagina           Chi siamo               Copyright               Cookie Policy               Privacy               P.I. 01248200535
Immagine - Scegli il miglior Hosting Scegli il miglior Hosting
Il miglior servizio di hosting è quello di SiteGround. Lo abbiamo provato per te: un servizio solido, sicuro, affidabile, le tecnologie più aggiornate, assistenza sempre a tua disposizione e prezzi imbattibili. Leggi la nostra recensione:
- Perché scegliere l'hosting di SiteGround, pro e contro
Un'offerta speciale tutta per te. Approfittane, un'occasione unica! Clicca sul link: - scopri le offerte riservate, SiteGround, vai al sito