Immagine Beneasapersi

Sole, benefici sì, danni no: istruzioni per l’uso

Il Ministero della Salute, accogliendo l’invito della Commissione europea, ha aderito alla Campagna d’informazione 2007 dell’Unione europea volta a stimolare una corretta esposizione al sole, allo scopo di ridurre i rischi per la salute derivanti da un eccessivo assorbimento di raggi ultravioletti (UV).

I raggi solari sono composti, fra l’altro, da raggi ultravioletti B, con lunghezze d’onda più corte (raggi UVB) e da raggi ultravioletti A, con lunghezze d’onda maggiori (raggi UVA). Scottature solari ed eritemi sono causati principalmente dai raggi UVB, che costituiscono anche il principale fattore di rischio di cancro. Ma non va trascurato il rischio dei raggi UVA, che sono anche causa di invecchiamento prematuro della pelle.
Al fine di richiamare l’attenzione sull’importanza della protezione anche dai raggi UVA la Commissione ha individuato uno specifico simbolo per contraddistinguere i prodotti solari in grado di offrire anche tale protezione. Il simbolo è costituito da un cerchio con al centro la scritta UVA, e sarà gradualmente riportato in etichetta dall’estate 2007 fino a completamento nel 2008.
È però il caso di ricordare che l’esposizione ai raggi UV non ha soltanto effetti negativi, in quanto tali radiazioni hanno un ruolo importante nella sintesi organica di vitamina D, sostanza coinvolta nello sviluppo dello scheletro e in grado di proteggere le ossa da malattie quali il rachitismo, l’osteomalacia e l’osteoporosi. In proposito è utile tenere conto dell’indice UV, scala internazionale che correla il livello di radiazione ultraviolette con il grado di rischio: quando l’indice è superiore a 3, occorre mettere in atto le misure preventive.
In questo quadro il Ministero della Salute ha deciso di promuovere, in collaborazione con l’Associazione italiana delle imprese cosmetiche (Unipro), una campagna di sensibilizzazione in occasione della stagione estiva.
La Raccomandazione europea ha anche indicato alcune nuove avvertenze per i consumatori che le imprese sono invitate ad apporre sulle confezioni dei prodotti solari. In particolare l’UE raccomanda ai produttori di:
- non utilizzare la dicitura “protezione o schermo totale” o “prevenzione per tutto il giorno” in quanto nessun prodotto solare ha tali potenzialità;
- apporre invece sui prodotti diciture quali: non rimanere esposti al sole troppo a lungo anche se si utilizza un prodotto per la protezione solare; tenere i bambini e i neonati lontano dalla luce diretta del sole; un’esposizione eccessiva al sole costituisce un grave rischio per la salute; “applicare il prodotto per la protezione solare prima dell’esposizione”; riapplicare con frequenza per mantenere la protezione soprattutto dopo aver sudato o dopo essersi bagnati o asciugati.
È comunque importante ricordare che i prodotti per la protezione solare sono soltanto uno degli strumenti capaci di eliminare i rischi legati alle radiazioni solari. È pertanto opportuno seguire queste altre regole di sicurezza:
- evitare di esporsi nelle ore più calde;
- indossare una maglietta e un cappello, e portare gli occhiali da sole;
- non esporre i bambini alla luce diretta del sole;
- applicare più volte e nella necessaria quantità i prodotti solari.

Fonte: ministero della Salute



Inizio pagina           Chi siamo               Copyright               Cookie Policy               Privacy               P.I. 01248200535
Immagine - Scegli il miglior Hosting Scegli il miglior Hosting
Il miglior servizio di hosting è quello di SiteGround. Lo abbiamo provato per te: un servizio solido, sicuro, affidabile, le tecnologie più aggiornate, assistenza sempre a tua disposizione e prezzi imbattibili. Leggi la nostra recensione:
- Perché scegliere l'hosting di SiteGround, pro e contro
Un'offerta speciale tutta per te. Approfittane, un'occasione unica! Clicca sul link: - scopri le offerte riservate, SiteGround, vai al sito