Immagine Beneasapersi

Dimagrire mangiando
di Annarosa Pacini


Può sembrare un connubio impossibile, eppure tra una corretta alimentazione ed un giusto peso corporeo c’è un legame molto stretto.

Quei “chili in più” tanto sbandierati dalle pubblicità come nemici da combattere con superpreparati dai nomi più improbabili, non sono soltanto un problema estetico, anzi. Il sovrappeso, ed ancor di più l’obesità, sono problemi che riguardano la salute, e quindi, vanno ben oltre la sola apparenza. Poiché non è il nostro campo, né nostra competenza, tralasciamo tutti quei casi in cui il sovrappeso è legato a patologie particolari, e parliamo di quel sovrappeso che dipende da uno stile di vita sedentario, dalla mancanza, a volte assoluta, di attività fisica, da un’errata alimentazione. Quella che sottoponiamo alla vostra attenzione non è la soluzione miracolosa, né una panacea per tutti i mali, ma è comunque una soluzione, che può dare buoni risultati. Partiamo dal principio base per cui l’attività fisica è un elemento fondamentale per il mantenimento della forma, incluso il giusto peso. Quindi, la prima cosa da fare è muoversi. Iscrivetevi ad una palestra, ad un gruppo sportivo, fate jogging o andate in bicicletta con gli amici: insomma, cambiate abitudini. Lasciate da parte tutte le scuse, tipo “non ho tempo”, “non posso”, “devo fare altre cose”. Pensate all’attività fisica come ad un sistema di prevenzione contro un invecchiamento troppo rapido, contro l’indebolimento fisico e muscolare, e vedrete che vi apparirà come qualcosa che non si deve sempre mettere in secondo piano. Soprattutto, cominciate. Una volta iniziato, proseguire vi sarà più facile. Il secondo elemento fondamentale, è una corretta alimentazione. Negli ultimi tempi, gli esperti di nutrizione ribadiscono in modo vigoroso che diete non equilibrate non soltanto possono essere dannose per la salute, ma spesso, non sono in grado di dare risultati duraturi, soprattutto perché non è il caso di stare a dieta stretta tutta la vita. L’organismo ha bisogno del giusto apporto di sostanze nutritive, ed ogni squilibrio, in meno come in più, può danneggiarlo. La dieta che vi proponiamo è tratta dal “Manuale delle allergie ed intolleranze alimentari” di Marcello Mandatori, edito da Tecniche Nuove nella collana “Natura & Salute”. L’intero libro, che vi consigliamo vivamente di leggere, è molto interessante. Il principio fondamentale è che molti problemi di salute sono legati a circuito viziosi a loro volta creatisi a causa di errate associazioni alimentari. Tali errate associazioni, intossicano l’organismo, e vanno a creare tutta una serie di conseguenze, tra cui l’aumento di peso. A quanti sarà capitato di trovarsi ad aumentare di peso anche se mangiano meno di una volta? E di non riuscire a dimagrire, anche cercando di mangiare meno? L’intossicazione alimentare “addormenta” le difese ed i meccanismi dell’organismo, il metabolismo rallenta, brucia sempre di meno, ed il peso aumenta sempre di più. Naturalmente, questa è soltanto una possibile causa, e dinamica del rapporto alimentazione-peso, ma è molto interessante, perché non richiede particolari sacrifici, è basata su una dieta molto varia, e soprattutto, nel tempo, dà risultati positivi.
Alimenti suggeriti per il metabolismo lento
Cereali: pane, pasta, pizza, riso, polenta (farine non integrali), avena, mais, orzo; farine alternative: camut, farro, magnochia, quinoa, sesamo, tapioca.
Carni: vitello, vitellone, agnello, capretto, coniglio, galletto, pollo, tacchino, faraona (preferibilmente petto), prosciutto crudo/cotto magro, uova.
Pesce: cefalo, cernia, coda di rospo, dentice, merluzzo, nasello, orata, platessa, pesce spada, sarago, sogliola, spigola, tonno e salmone al naturale.
Formaggi: (freschi magri) mozzarella, stracchino, crescenza, robiola, caciotta/ricotta di mucca, yogurt magro, latte scremato.
Legumi: ceci, fagioli, fagiolini, fave, piselli, soia.
Verdure: bieta, broccoletti, carciofi, carote, cetrioli, cicoria, cipolle, finocchi, (funghi), insalate a foglie (tutte), (patate), melanzane, peperoni, pomodori, porri, zucca gialla, zucchine.
Frutta: di ogni tipo purché fresca, gelato di frutta, granita.
Bevande: acqua minerale, succhi di frutta senza zucchero, infusi di erbe (tisane), caffè, tè, caffè d’orzo.
Condimenti: olio di oliva, girasole, sesamo, vinacciolo (spremuti a freddo), sale, dadi e margarine vegetali, aromi, spezie, limone, aceto di mele, salsa di soia, dolcificante fruttosio.
Schema di alimentazione consigliato (quantità libere)
Mattino: fette biscottate, pane tostato, cereali, frutta fresca (marmellata senza zucchero e miele) + tisane, caffè, tè, caffè d’orzo, latte di soia, latte scremato.
Metà mattino: spremute di agrumi, succhi di frutta, tisane, frutta fresca, (yogurt magro alla frutta, gelati/granite di frutta).
Pranzo: minestre, passati di verdure + carne o pesce o uova o formaggi + verdure.
Pomeriggio: facoltativo, eventualmente ripetere come a metà mattino.
Cena: pasta o pizza, verdure, legumi o funghi + verdure, riso o polenta o patate + verdure, pesce o prosciutto + verdure.
Avvertenze
1- Variare molto, non ripetere lo stesso alimento per più giorni consecutivi per evitare l’insorgere di nuove intolleranze alimentari.
2- Far coincidere i giorni delle fette biscottate o cereali al mattino con pasta o riso la sera; in questi giorni è possibile mangiare anche il pane.
3- Se a pranzo si assume pasta o riso, evitare il secondo piatto, abbinando verdure. 4- Il vino si potrebbe bere a cena, con moderazione e non sempre.
5- Ogni dieci giorni sarebbe consigliabile per un giorno assumere solo frutta, verdura e legumi.
6- Alternare gli oli consigliati e sospenderli settimanalmente.

L’unico neo di questa dieta è che non è poi così facile variare, soprattutto se non si ha molto tempo per cucinare. Per questo vi proporremo ricette adatte, qualche idea in più può rendere la dieta più divertente. Infine: le quantità sono libere, certo non mangiatene in eccesso. Ricordate che ci vogliono almeno dieci minuti perché il cervello cominci ad avvertire il senso di sazietà, che sarebbe bene masticare ogni boccone almeno dieci volte, e che quando si mangia non si dovrebbero fare altre cose, come guardare la tv, ma essere concentrati su ciò che si mangia. È una dieta che può dare soddisfazioni anche a chi ama mangiare. Quindi, buon appetito, e che la linea sia con voi!



Inizio pagina           Chi siamo               Copyright               Cookie Policy               Privacy               P.I. 01248200535
Immagine - Scegli il miglior Hosting Scegli il miglior Hosting
Il miglior servizio di hosting è quello di SiteGround. Lo abbiamo provato per te: un servizio solido, sicuro, affidabile, le tecnologie più aggiornate, assistenza sempre a tua disposizione e prezzi imbattibili. Leggi la nostra recensione:
- Perché scegliere l'hosting di SiteGround, pro e contro
Un'offerta speciale tutta per te. Approfittane, un'occasione unica! Clicca sul link: - scopri le offerte riservate, SiteGround, vai al sito