Immagine Astrologia

CORSO PRATICO DI ASTROLOGIA

4 - Il Cielo Simbolico dell’Astrologia

Vediamo adesso di capire, in modo sintetico, cosa si intende per cielo in astrologia: in questa sede semplificherò al massimo le spiegazioni astronomiche, che potrete approfondire consultando un qualunque manuale specifico (se ne trovano in tutte le librerie, cfr. anche la Bibliografia, che sarà presto on line).
L’astrologia si fonda sul geocentrismo, vale a dire che considera la Terra, e non il Sole, come centro del Sistema Solare: questo perché in astrologia, simbolicamente, l’Uomo è al centro dell’Universo. Ciò che conta dunque, è la posizione che il Sole e i Pianeti sembrano assumere in cielo per noi che li osserviamo dalla Terra. In questo cielo simbolico, noi vediamo le Stelle come ferme, perché sono enormemente lontane da noi e non ne possiamo percepire i movimenti; vediamo i Pianeti, molto più vicini, che sembrano compiere delle vere e proprie orbite intorno alla Terra con una certa velocità. Ora, sappiamo dall’astronomia che tutti i pianeti del sistema solare (tranne Plutone) hanno orbite che giacciono praticamente sullo stesso piano di quella terrestre: questo significa che i Pianeti, se visti dalla Terra, percorrono le loro orbite tutto attorno a una striscia ben definita del cielo. Questa striscia si chiama Zodiaco.
Lo Zodiaco è una fascia del cielo che circonda la Terra: ha la forma di un anello di 360 gradi di circonferenza, e di 17 gradi di altezza. Dentro lo Zodiaco corrono le orbite di tutti i Pianeti, compresa quella (apparente!) annuale del Sole che è detta eclittica.
Già nella più remota antichità, gli uomini si erano accorti che tutti i corpi celesti viaggiavano sempre in questa striscia di cielo: per meglio osservarne le orbite, la divisero in 12 parti di uguale ampiezza (30 gradi), legate al simbolismo stagionale terrestre, e chiamarono queste 12 parti Costellazioni: Ariete, Toro, Gemelli etc. Noi li chiamiamo anche Segni Zodiacali.
È importante ricordare che tale divisione dello Zodiaco in 12 costellazioni è puramente simbolica, giacchè le costellazioni vere (da non confondere con queste) hanno in realtà un’ampiezza maggiore o minore dei trenta gradi, e ce ne sono due (Cetus e Ophiucus) che non sono mai entrate in questa suddivisione. Lo Zodiaco risale ad epoche molto antiche, ma nella forma esatta in cui lo conosciamo noi moderni risale al periodo Greco (circa VI sec. a. C): zòdion è una parola greca che significa “figura, sagoma”. All’interno dello Zodiaco, i Pianeti transitano occupando successivamente tutte le 12 costellazioni: ciascun Pianeta ha una sua velocità e resta in una costellazione da poche ore a decine di anni.
L’Astrologia studia questi percorsi, e presume che a seconda di quali e quanti Pianeti si trovano in una costellazione o in un’altra, si determinano degli effetti sulla Terra e sui suoi abitanti. Un Pianeta infatti, passando in una costellazione, le imprime la sua natura e la sua influenza, che si riverberano sulla Terra, sui suoi fenomeni geologici, e sugli esseri viventi.


Attualmente il corso si è concluso con l'ottava lezione.


Inizio pagina           Chi siamo               Copyright               Cookie Policy               Privacy               P.I. 01248200535
Immagine - Scegli il miglior Hosting Scegli il miglior Hosting
Il miglior servizio di hosting è quello di SiteGround. Lo abbiamo provato per te: un servizio solido, sicuro, affidabile, le tecnologie più aggiornate, assistenza sempre a tua disposizione e prezzi imbattibili. Leggi la nostra recensione:
- Perché scegliere l'hosting di SiteGround, pro e contro
Un'offerta speciale tutta per te. Approfittane, un'occasione unica! Clicca sul link: - scopri le offerte riservate, SiteGround, vai al sito