Immagine Attualità

Parità tra i sessi: ma esiste davvero? Le donne rispondono


Immagine Se ne fa sempre un gran parlare. Ma la tanto agognata "parità dei sessi" è stata raggiunta? Lo abbiamo chiesto alle donne. Ed i risultati del sondaggio sono stati abbastanza sorprendenti: per le donne, la parità dei sessi è ancora lontana, soprattutto sul fronte lavorativo e della libertà individuale. L'unica parità raggiunta pare essere quella sul fronte sessuale. E per il millennio da poco iniziato si aspettano un uomo più indipendente e capace di lasciarle libere. Due opinioni per tutte.

Alle porte del Duemila, uomo e donna sono allo stesso livello?

Maria Cristina Magnani, 42 anni
"NO, anche se molte donne dicono di sì, non lo siamo: prevale sempre l'uomo. Non certo con l'intelligenza, direi con la forza. Si risente ancora del 'machismo'. Certo, questa è una mia opinione personale, basata però anche su ciò che vedo intorno a me. È sotto gli occhi di tutti che l'uomo prevale sempre, in qualunque cosa. Basta accendere la tv, guardare in politica, chi ricopre i ruoli dirigenziali più importanti. Certo, negli anni la donna è cambiata. Prima poteva fare solamente la casalinga, oggi almeno ha la possibilità, se lo vuole, di lavorare fuori casa, ha maggiore libertà nella scelta del lavoro, ed anche di pensiero. Rispetto a vent'anni fa, è più facile che ci chiedano un parere, c'è più considerazione. L'uomo oggi ci rispetta di più, ma ancora non abbastanza".

Francesca Bontadi, 28 anni
"NO, non del tutto, soprattutto sul lavoro ed in famiglia. Penso che ci sia ancora molta strada da fare. La donna continua ad essere più condizionata dalla famiglia: se in una coppia uno dei due deve rinunciare, nel momento di emergenza, al lavoro, rinuncia sempre la donna. Forse perché è più forte l'istinto di maternità, e verso la famiglia, forse perché trova lavoro con più difficoltà, ma alla fine è sempre lei a sopportare i maggiori sacrifici. Padri e figli non sono ancora autosufficienti. E credo che a parte coloro che lo fanno davvero per libera scelta, molte donne oggi soffrono, non sono casalinghe felici, ma disoccupate vestite da casalinghe".

Luoghi comuni: l'uomo è cacciatore, la donna è preda. È ancora vero?

Maria Cristina
"SECONDO me non è vero, anzi, a volte è più cacciatrice la donna, che l'uomo. Io ho un figlio maschio: è più facile che riceva una dichiarazione da una donna, piuttosto che sia lui a farla".

Francesca
"NO, non è più vero. Anche la donna è cacciatrice, quasi al pari dell'uomo. In questo senso è cambiata. Secondo me dipende dal fatto che prima il matrimonio rappresentava la meta più ambita, se non l'unico modo, per potersi sistemare, per realizzarsi. Oggi è più autonoma, più single, non ha più la necessità del rapporto stabile come unica scelta di vita, finché vuole divertirsi, anche lei si diverte e caccia. Poi quando vuole sistemarsi in un rapporto stabile lo fa, come l'uomo".

L'uomo-mammo potrebbe diventare una realtà: serve o fa ridere?

Maria Cristina
"A me fa ridere, è una cosa totalmente inutile. È una cosa fuori dal mondo, almeno ora. Siamo nel Duemila, ma non fino a questo punto".

Francesca
"PENSO che non sarà mai tradotto in realtà, perché dovrebbero sottoporsi ad un tale bombardamento di ormoni da diventare donne, e poi i rischi per la salute dell'uomo, e del feto, sono altissimi. Lo vedo come uno stravolgimento delle leggi naturali. Può servire per riflettere, per far capire che la maternità è un istinto, oltre che biologico, anche psicologico, che non è una condanna, ma una possibilità preziosa, però, nella realtà, ognuno ha il proprio ruolo".

Cosa prevede per il futuro dei due sessi, cosa e come cambierà?

Maria Cristina
"SPERO che la donna continui a 'crescere' e possa arrivare a conquistare quella parità di diritti con l'uomo che oggi è teorica e nella vita reale ancora non ha. Vorrei che l'uomo diventasse più intelligente e sensibile, capace di cambiare, di considerare veramente la donna come sua pari".

Francesca
"CREDO che l'uomo diventerà sempre più autonomo, e così anche la donna: vorrei che riuscissero a non dipendere troppo l'uno dall'altro, per potersi scegliere l'un l'altra liberamente, senza condizionamenti sociali, economici, culturali, ognuno con le proprie attitudini e peculiarità, come persone alla pari, appunto".

Cosa prevede per il futuro dei due sessi, cosa e come cambierà?
35% Uomo e donna saranno più alla pari
25% Non cambierà nulla
25% I ruoli saranno intercambiabili
15% Si tornerà indietro
Luoghi comuni: l'uomo è cacciatore, la donna è preda. È ancora vero?
45% No, anche la donna è cacciatrice
25% Sì, l'uomo è cacciatore
15% La donne finge di essere preda
10% Dipende dai ruoli
5% Non so


Trovi tutte le notizie di attualità, costume, società, sondaggi, in Archivio 1 "Oltre la notizia", Sezione "Attualità", oppure effettua direttamente sul sito la ricerca di ciò che ti interessa.
  Inizio pagina                        Chi siamo                        Copyright                        Privacy 
Comunicare per essere podcast
Talk radio su comunicazione, grafologia, relazioni interpersonali. Iscriviti immagine
Cambia la tua vita con la Grafologia evolutiva®
un metodo di counseling unico, risultati tangibili in tempi brevi.
Scopri come fare per avere la vita che vuoi

Newsletter - RSS
Iscriviti alle newsletter di Encanta.it: è facile, è gratuito