Immagine Attualità

Infermieri e stereotipi

In Italia i mass media danno un'immagine distorta degli infermieri che non è in linea con quello che l'opinione pubblica recepisce dal rapporto quotidiano con la categoria. "Sulla professione - afferma Annalisa Silvestro, presidente dell'Ipasvi, nel corso della tavola rotonda moderata da Luciano Onder, Vice Direttore TG2 -, pesa un fardello di stereotipi e di luoghi comuni che, nonostante la costante crescita del gruppo professionale, si ripropone come un'eredità anacronistica e difficile da scardinare".

Uomini che si trascinano in ciabatte verdi per i corridoi e donne belle ma stupide che svolgono ruoli marginali in ospedale le immagini più comuni ripetute dagli organi d'informazione. "Un'icona - continua Silvestro - decisamente offensiva ma che fa audience così come i singoli casi di malsanità utilizzati poi come metro di giudizio. Ma riproporre stereotipi negativi non fa che alimentare una percezione sempre più bassa del mondo infermieristico".
Neppure la fiction rende giustizia agli infermieri: i protagonisti del mondo sanitario continuano ad essere i medici, ai quali vengono affidati sempre i ruoli di maggior spessore. Gli infermieri invece, nel migliore dei casi, vengono rappresentati come persone dal grande cuore, ma mai come professionisti con responsabilità e competenze. Ma se in Italia l'immagine della professione infermieristica trasmessa dai media è ancora piuttosto bassa, il giudizio dei cittadini che entrano a contatto diretto con gli infermieri è decisamente più positivo. "Le segnalazioni all'Osservatorio di Cittadinanzattiva relative a carenze del servizio infermieristico - sottolinea Stefano Inglese, Responsabile Nazionale del Tribunale dei Diritti del Malato, sono diminuite significativamente negli ultimi 10 anni e le lamentele che riceviamo riguardano soprattutto l'inadeguatezza dell'assistenza domestico-alberghiera dei malati. Un lavoro che però dovrebbe essere svolto principalmente dagli Operatori socio-sanitari". A dimostrare la qualità del lavoro svolto dalla categoria anche uno studio sulla qualità dell'assistenza domiciliare in ambito oncologico in cui la figura più gradita tra medici, fisioterapisti e psicologi è proprio l'infermiere, perché più attento ai bisogni del malato e della famiglia. Ottimo anche il rapporto tra la categoria e il cittadino anziano. "Chi sviluppa malattie croniche e gravi disabilità - continua Marco Trabucchi, presidente della Società di Geriatria e Gerontologia - diventa ancor di più dipendente da personale altamente qualificato e umanamente elevato che sia in grado per lunghi periodi di stargli vicino. In questi casi il rapporto di relazione è fondamentale e va sostenuto con sempre più capacità di studio e di confrontarsi con i problemi. Tutti elementi che solo la professione infermieristica così come si sviluppa oggi è in grado di affrontare".
"Lo sviluppo del nursing come scienza e come professione - conclude Silvestro - è stata una lunga battaglia, che ha portato a grandi conquiste professionali. E' ormai ora che questi cambiamenti si riflettano finalmente anche nell'immagine che la professione infermieristica trasmette di sé". Il primo passo da fare - affermano i vertici Ipasvi - è quello di agire sul rapporto con il cittadino, al quale l'infermiere deve far conoscere il proprio valore professionale: i primi comunicatori di se stessi, infatti, sono e restano gli infermieri. Ma la professione, i Collegi e la Federazione Ipasvi devono chiedere anche più visibilità agli organi di comunicazione, e pretendere da loro un maggior rigore, non solo nel proprio interesse, ma soprattutto ai fini di una corretta informazione nei confronti del cittadino.




Trovi tutte le notizie di attualità, costume, società, sondaggi, in Archivio 1 "Oltre la notizia", Sezione "Attualità", oppure effettua direttamente sul sito la ricerca di ciò che ti interessa.
Inizio pagina           Chi siamo               Copyright               Cookie Policy               Privacy               P.I. 01248200535
Immagine - Scegli il miglior Hosting Scegli il miglior Hosting
Il miglior servizio di hosting è quello di SiteGround. Lo abbiamo provato per te: un servizio solido, sicuro, affidabile, le tecnologie più aggiornate, assistenza sempre a tua disposizione e prezzi imbattibili. Leggi la nostra recensione:
- Perché scegliere l'hosting di SiteGround, pro e contro
Un'offerta speciale tutta per te. Approfittane, un'occasione unica! Clicca sul link: - scopri le offerte riservate, SiteGround, vai al sito