Immagine Attualità

Infrastrutture e trasporti: Italia ferma a 50 anni fa

Immagine - Infrastrutture e trasporti: Italia ferma a 50 anni fa Infrastrutture e trasporti, presentato il Libro Bianco di Confcommercio: Italia ferma a 50 anni fa, 142 mld di Pil persi negli ultimi 10 anni. 50 miliardi è, invece, la perdita di ricchezza nel solo 2010 dovuta al divario infrastrutturale esistente fra le aree del nostro Paese. La velocità media all’interno dei maggiori centri urbani è di appena 15 km/h per scendere addirittura a 7-8 km/h nelle ore di punta, praticamente quella esistente a fine Settecento.

E’ stato presentato nel corso del convegno di Confcommercio sul tema delle infrastrutture e dei trasporti “Sciogliere i nodi per competere”, un Libro Bianco che “fotografa” lo stato di salute ma soprattutto i ritardi delle infrastrutture, della filiera logistica e dei sistemi di trasporto del nostro Paese.

I dati che emergono dal documento sono a dir poco allarmanti: il gap infrastrutturale rispetto alla Germania, negli ultimi 10 anni, ha fatto perdere all’Italia 142 miliardi di Pil; 50 miliardi è, invece, la perdita di ricchezza nel solo 2010 dovuta al divario infrastrutturale esistente fra le aree del nostro Paese. Non solo, perché ad oggi risultano ancora incompiute ben 27 opere infrastrutturali, alcune risalenti addirittura a 50 anni fa, per un valore di 31 miliardi di euro, mentre rispetto al Programma per le Infrastrutture Strategiche – valore complessivo oltre 367 miliardi – solo il 9,3% delle opere sono state portate a termine e quasi il 60% sono ancora in fase di progettazione.
Dal Libro Bianco emergono note dolenti anche sul fronte delle risorse che il nostro Paese destina agli investimenti in infrastrutture: dal 1990 si è speso il 35% in meno, -34% nel biennio 2009-2011 e 18 miliardi già tagliati per il triennio 2012-2014. Quanto alle risorse comunitarie (Fondi strutturali e FAS) è utilizzato solo il 12% degli oltre 41 miliardi stanziati per il quinquennio 2007-2013.

Alla luce di questi dati, non deve stupire, dunque, se la rete autostradale Italiana negli ultimi 20 anni è cresciuta quasi dieci volte meno di quella francese e addirittura venticinque volte meno di quella spagnola e se l’estensione della rete ferroviaria italiana (923 km) è inferiore a quella tedesca (1.285 km) e meno della metà di quella francese (1.896 km) e spagnola (2.056 km). E non deve stupire, anche se rappresenta ormai un cruccio quotidiano per milioni di automobilisti e cittadini, se le nostre città sono sempre più congestionate – soprattutto le grandi metropoli, come Milano, Roma e Napoli – e se la velocità media all’interno dei maggiori centri urbani è di appena 15 km/h per scendere addirittura a 7-8 km/h nelle ore di punta, praticamente quella esistente a fine ‘700!

Nel corso del convegno - a cui hanno partecipato, tra gli altri, Carlo Sangalli (Presidente Confcommercio), Corrado Passera (Ministro Infrastrutture e Trasporti), Paolo Uggè (Vicepresidente Confcommercio), Mario Ciaccia (Vice Ministro Infrastrutture e Trasporti), Luigi Grillo (Presidente Commissione Lavori Pubblici del Senato), Mario Valducci (Presidente Commissione Trasporti della Camera), è stato presentato anche il Manifesto di Confcommercio contenente le proposte e le priorità di intervento nel settore dei trasporti per creare quelle condizioni di sviluppo che consentano al Paese di tornare a crescere. Tra queste: politiche per l’evoluzione logistica dell’autotrasporto, realizzazione di un Patto per la mobilità urbana, maggiore efficienza logistica del sistema portuale, riordino e razionalizzazione del trasporto aereo per una maggiore competitività del settore, piena liberalizzazione del trasporto ferroviario.







Trovi tutte le notizie di attualità, costume, società, sondaggi, in Archivio 1 "Oltre la notizia", Sezione "Attualità", oppure effettua direttamente sul sito la ricerca di ciò che ti interessa.
Inizio pagina           Chi siamo               Copyright               Cookie Policy               Privacy               P.I. 01248200535
Immagine - Scegli il miglior Hosting Scegli il miglior Hosting
Il miglior servizio di hosting è quello di SiteGround. Lo abbiamo provato per te: un servizio solido, sicuro, affidabile, le tecnologie più aggiornate, assistenza sempre a tua disposizione e prezzi imbattibili. Leggi la nostra recensione:
- Perché scegliere l'hosting di SiteGround, pro e contro
Un'offerta speciale tutta per te. Approfittane, un'occasione unica! Clicca sul link: - scopri le offerte riservate, SiteGround, vai al sito