Immagine Attualità

Azione e reazione: oltre la cronaca

di Annarosa Pacini

Immagine Da Sarah Scazzi, vittima di un oscuro dramma familiare a Maricica Hahaianu, rimasta uccisa da un pugno, per una lite nel metrò a Roma, eventi terribili per i quali si pone una domanda: potevano essere evitati?

Chi crede al destino, chi crede alle scelte, chi alla provvidenza, chi al libero arbitrio. Senza scomodare religioni e filosofia, la nostra riflessione si muove su ambiti più semplici, ma non per questo meno complessi.
Nel caso di Sarah Scazzi, abbiamo un’adolescente che si è trovata oggetto di attenzioni fuori luogo da parte di uno zio. Perché? Chi è quest’uomo, che storia ha, chi lo conosce? Chi veramente sa chi è?
Comportamenti deviati e anomali non nascono in un giorno. Hanno sempre una storia, un percorso, danno sempre segnali, che a un occhio attento non possono sfuggire. Ma spesso il gruppo sociale preferisce negare, se non nascondere, per non turbare un equilibrio che, di fatto, non c’è.
L’assassinio di Sara Scazzi ha richiamato l’attenzione di tutto il Paese, ci auguriamo, non solo per morbosa curiosità. Che insegnamento possiamo trarre da questa triste e terribile storia? Che i ragazzi, oggi, sono esposti a rischi maggiori, che non appena dieci o venti anni fa. Che gli adolescenti sembrano già grandi, e i grandi, purtroppo, molto “grandi”, sono tali solo per età anagrafica. La maturità, la serietà, la capacità di controllo degli impulsi, il senso di rigore morale, di giustizia e di umana convivenza devono essere coltivati, stimolati, approfonditi.
Come proteggere, quindi, questi giovani oggi immersi in un mondo che si rivela a volte, atroce? Ricordando loro che, intorno, ci sono persone che sanno ascoltare. C’è sempre qualcuno che li ama sinceramente, che è in grado di proteggerli, che può fare qualcosa.
Il consiglio, quindi, per tutti i ragazzi che si trovano a dover subire situazioni che non capiscono, è quello di parlare. Non con chi è coinvolto, non chi è coetaneo, ma con chi può. Genitori, insegnanti, figure autorevoli che possano e sappiano ascoltare.
Così, si aprono possibilità diverse, che potrebbero portare ad epiloghi diversi. Quelli in cui è il cattivo che perde e il buono che vince.
Così, quell’infermiera che, andando in metropolitana non aveva forse il tempo di fare la fila, si era sentita vittima. Di un’offesa (al vostro paese non fate la fila?) che forse non riguardava quel momento, quella situazione, quella persona, ma riguardava lei, la sua vita, la fatica di inserirsi, di dover sopportare un razzismo sottile eppure presente. Questo giustifica l’aggressione, verbale o fisica? E davvero non c’era nessun altro mezzo, per quel ragazzo, che colpirla? E cosa avrà provato, pensato, si sarebbe mai immaginato di poter distruggere, con un solo gesto, una vita? Azione e reazione. In ogni momento, scegliamo. Si può scegliere di non discutere, di parlare civilmente, di non alzare le mani, di cercare di chiarire le cose, di capire la persona che abbiamo di fronte, di avere fiducia, di chiedere aiuto.
Solo questa è la risposta. Con il senno di poi giudicare è facile, pensare di poter dire se certi epiloghi potevano essere evitati ci pare un atteggiamento arrogante e superficiale.
Si può dire che simili tristi e dolorosi episodi possono avere una loro utilità se ci servono per imparare. Che non c’è azione senza reazione, non c’è causa senza effetto.
Da buone cause derivano buoni effetti.
Pensiamoci. E insegniamo a farlo anche a chi sta crescendo per diventare “grande”. Solo così le cose possono cambiare.





Trovi tutte le notizie di attualità, costume, società, sondaggi, in Archivio 1 "Oltre la notizia", Sezione "Attualità", oppure effettua direttamente sul sito la ricerca di ciò che ti interessa.
Inizio pagina           Chi siamo               Copyright               Cookie Policy               Privacy               P.I. 01248200535
Immagine - Scegli il miglior Hosting Scegli il miglior Hosting
Il miglior servizio di hosting è quello di SiteGround. Lo abbiamo provato per te: un servizio solido, sicuro, affidabile, le tecnologie più aggiornate, assistenza sempre a tua disposizione e prezzi imbattibili. Leggi la nostra recensione:
- Perché scegliere l'hosting di SiteGround, pro e contro
Un'offerta speciale tutta per te. Approfittane, un'occasione unica! Clicca sul link: - scopri le offerte riservate, SiteGround, vai al sito